Cocaina tra Italia e Colombia, 33 arresti: un corriere ingerì 82mila euro in banconote

Sgominato un traffico internazionale nella locride. La droga arrivava a Venezia ma i corrieri 'pagatori' partivano dalla Calabria

Immagine di repertorio

Un giovane corriere 'pagatore' è arrivato a ingerire più di 80 mila euro in banconote in tagli di 500 euro. Più di venti piccoli ovuli contenenti banconote raggruppate in piccoli ovuli di 3 mila euro ciascuno che il corriere ha ingerito prima di partire ed espulso una volta intercettato in Costa rica dalla polizia. C'è anche questa storia nella maxi operazione antidroga tra l'Italia e la Colombia che ha portato all'arresto di 33 persone tra i due Paesi, di cui 11 in Italia (tre sono stranieri).

Gli ordini di acquisto e il pagamento per il traffico di droga avveniva in Calabria. "A Platì - ha spiegato il Procuratore Federico Cafiero De Raho, dove avevano residenza e base i fratelli Franco e Giuseppe Cosimo Monteleone, Giuseppe Grillo e Pasquale Virgara". Dalla Calabria, infatti, partivano anche i corrieri 'pagatori' per la droga acquistata dalla Colombia e dal Costa Rica.

I due fratelli - ha spiegato il procuratore - operavano in un territorio chè una roccaforte del narcotraffico internazionale nella locride. A Platì sono avvenuti anche incontri con esponenti del narcotraffico colombiano per definire acquisti e passaggi di denaro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La cocaina non è arrivata a Gioia Tauro ma a Venezia. La droga era nascosta in carichi di frutta in vetroresina per occultare il carico ai controlli delle forze dell'ordine. "Ogni anno - ha ricordato De Raho, per dare una idea della dimensione della droga in arrivo in Italia, - viene sequestrato in media nel porto di gioia tauro una tonnellata e mezza di droga".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La testimonianza di Heather Parisi dalla Cina: "Oggi possiamo uscire, ma vietati tavoli al bar"

  • Belen contro Barbara d'Urso: l'affondo durante una diretta su Instagram

  • Coronavirus, come sono cambiati i trasporti pubblici durante l'epidemia

  • Coronavirus, a Rimini guarisce anziano di 101 anni: è nato durante l'epidemia di spagnola

  • Fabio Cannavaro dalla Cina: "Oggi è finita la quarantena, ecco la mia testimonianza"

  • Giuliana De Sio dopo il coronavirus: “Uno straccio di donna che però sta guarendo”

Torna su
Today è in caricamento