Venerdì, 24 Settembre 2021
Marijuana

Cannabis: "Sì alla coltivazione in casa"

I parlamentari a lavoro per una legge sulla liberalizzazione della marijuana. Arrivano le prime proposte, tra cui quella del Movimento 5 stelle: "I maggiorenni potranno coltivarla a casa ma solo per uso personale"

Prima la Toscana, che con una delibera ha dato via all'uso terapeutico negli ospedali. Poi il comune di Genova ha deciso di iniziare un percorso di liberalizzazione "per contrastare il narcotraffico". Insomma ormai di marijuana si parla spesso nelle amministrazioni locali, così anche il Parlamento ha deciso di "prendere parte" alla discussione.

La legge proposta dal Movimento 5 stelle è stata ufficialmente presentata alla stampa e, se diventasse una realtà, sarebbe una vera e propria rivoluzione. Il disegno di legge prevede di rendere possibile la coltivazione di cannabis a casa fino a un massimo di quattro piante per uso personale se si è maggiorenni. 

Lello Ciampolillo del Movimento 5 stelle è il primo firmatario e ha le idee chiare: "La cannabis è già utilizzata per effetti terapeutici nella cura di malattie come sla e depressione, nelle terapie del dolore. La coltivazione in casa consentirebbe anche di liberare i giovani da eventuali rapporti con la criminalità". 

Secondo il grillino è arrivato il momento di "andare al di là" del pregiudizio nei confronti della sostanza e quindi il suo ddl prevede anche una modifica del testo unico sulle droghe: chi vorrà coltivare in casa dovrà inviare alla Prefettura territoriale una semplice comunicazione. "Non ci sono controindicazioni: nessuno è mai morto di cannabis" scherza Ciampolillo. Con lui c'è Andrea Trisciuoglio, malato di sclerosi, che è uno dei 60 in Italia autorizzati a curarsi con la marijuana: "Io ne ho bisogno, sono autorizzato e nonostante tutto ancora mi fermano i carabinieri".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cannabis: "Sì alla coltivazione in casa"

Today è in caricamento