rotate-mobile
Sabato, 18 Maggio 2024
Cronaca

Uccise e fece a pezzi Carol Maltesi: condannato a 30 anni. Per i giudici non ci fu crudeltà, né premeditazione

La Procura aveva chiesto l'ergastolo per l'uomo, ma i giudici hanno fatto cadere le aggravanti contestate dall'accusa

È stato condannato a 30 anni di carcere Davide Fontana, il 44enne a processo per aver ucciso la 29enne Carol Maltesi, nella sua casa di Rescaldina (Milano) e aver poi disperso i suoi resti, fatti a pezzi, in provincia di Brescia. Lo ha deciso oggi il Tribunale di Busto Arsizio (Varese), escludendo l'aggravante della premeditazione, dei motivi abbietti e delle sevizie. Delus l'accusa che aveva chiesto l'ergastolo. La sentenza è arrivata dopo sette ore di camera di Consiglio.

Davide Fontana dovra' ora risarcire 180mila euro al figlio di Carol Maltesi, la donna che, come ha confessato e come ha stabilito la sentenza di primo grado, ha ucciso. Inoltre dovra' versare ai nonni del bimbo complessivamente 100mila euro e 20mila euro al padre del bambino. L'uomo ha assistito alla lettura del verdetto.

Perché sono cadute le aggravanti 

La Corte ha accolto alcuni degli argomenti portati dalla difesa, secondo la quale non ci fu premeditazione perche' si tratto' di un delitto d'impeto e non ci fu crudelta' perché Fontana non 'infieri'' sul corpo della donna oltre a quanto fosse ''funzionale alla sua uccisione''. L'uomo avrebbe poi cercato di liberarsi del cadavere ''con modi maldestri, approssimativi, confusi'' e non aveva fatto ricerche pregresse su come disfarsi del corpo, né per procurarsi il materiale per farlo a pezzi e per la pulizia, che e' stata definita "grossolana". Motivazioni che faranno discutere e non poco. 

I legali dell'uomo avevano puntato anche molto sul pentimento di Fontana che giorni fa aveva dichiarato: ''So di poter sembrare parecchio distaccato e controllato, provo un'enorme sofferenza ogni giorno. Sono pentito per quello che ho fatto e non so se riusciro' mai a perdonarmi. Voglio chiedere scusa a tutti, in particolare ai familiari di Carol e a suo figlio''. 

La dinamica dell'omicidio 

Ex bancario, Davide Fontana ha ucciso Carol nel suo appartamento di Rescaldina l'11 gennaio del 2022, nel milanese. Il corpo è stato poi fatto a pezzi, nascosto in un congelatore e infine gettato in un dirupo nel Bresciano. A Fontana i carabinieri sono arrivati dopo alcuni giorni d'indagine. Per depistare gli investigatori, aveva finto di essere Carol, mandando messaggi dallo smartphone della ragazza. L'uomo ha confessato tutto a pochi giorni dall'arresto. 

Ora si aspetta il ricorso della Procura in Appello per una sentenza che non passerà di certo indifferente. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Uccise e fece a pezzi Carol Maltesi: condannato a 30 anni. Per i giudici non ci fu crudeltà, né premeditazione

Today è in caricamento