Lunedì, 21 Giugno 2021
Droghe

Pronta la stretta sulle discoteche: cani antidroga agli ingressi

Dopo la morte del giovane leccese che segue di pochi giorni il dramma del Cocoricò la politica pronta a una stretta contro il "popolo della notte". C'è chi propone cani antidroga a ogni ingresso e chi invece chiede direttamente la chiusura delle discoteche

ROMA - "Basta perdere tempo, ora bisogna mettere in campo una vasta operazione con cani antidroga all'ingresso delle discoteche per evitare altre morti". Lo suggerisce Nuccio Altieri dei Conservatori e Riformisti, dopo la morte del giovane nel Salento. "Come avevamo detto - osserva - non è servito a niente chiudere il Cocoricò, perché questa mattina la tragedia si è ripetuta, sembra nella stessa maniera, in un'altra discoteca, il Guendalina di Santa Cesarea Terme nel Salento. Ora qualcuno vorrà ancora fingere di intervenire chiudendo anche questa discoteca e aspettando di registrare un'altra morte in un altro locale in Italia? Bisogna intervenire subito e con fermezza per evitare che altri giovani possano incorrere nello stesso rischio, soprattutto nel mese di agosto quando ogni giorno è pericoloso".

CANI ANTIDROGA - Altieri torna a chiedere, quindi, che "il ministero dell'Interno attivi immediatamente una importante operazione di controllo in tutta Italia con cani antidroga all'ingresso delle discoteche: solo così si eviterà di fare entrare la droga nelle discoteche. Non c'è tempo da perdere con inutili dibattiti su proposte di legge che necessitano di mesi, bisogna mettere in campo - da domani - in tutta Italia una vasta operazione antidroga all'ingresso delle discoteche per combattere e scoraggiare lo spaccio e l'utilizzo di droghe soprattutto tra o più giovani".

PIU' CONTROLLI - Un'altra morte in discoteca che mette ancora più in risalto, dopo il caso del Cocoricò di Riccione, la necessità impellente di un giro di vite nelle discoteche italiane e nei locali della movida. Lo afferma il Codacons, intervenendo sul grave episodio del 19enne deceduto dopo una serata in un locale di Santa Cesarea Terme.

"CHIUDERE LE DISCOTECHE" - "In attesa che siano chiarite le cause del decesso, è indispensabile incrementare i controlli nelle discoteche punendo severamente le violazioni delle norme di sicurezza ed adottando provvedimenti severi in caso di spaccio di droghe all'interno dei locali - afferma il presidente Carlo Rienzi - È intollerabile che ragazzi giovanissimi muoiano per una serata in discoteca, e se saranno accertate responsabilità del locale teatro della disgrazia, chiederemo come per il Cocorico' la chiusura immediata della struttura".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pronta la stretta sulle discoteche: cani antidroga agli ingressi

Today è in caricamento