Mercoledì, 17 Luglio 2024
Latina

Dopo la morte di Satnam ispezioni a tappeto nelle aziende agricole: irregolare il 50% dei contratti

Raffica di controlli a società e cooperative nella piana pontina. Identificati e ascoltati 103 braccianti stranieri tra Sabaudia e Terracina

Dopo la morte del bracciante Satnam Singh aumentano i controlli sulla filiera agricola in provincia di Latina: da Sabaudia a Terracina, controlli serrati nelle aziende e nelle cooperative, nei campi, nelle serre di coltivazione, nelle sedi legali delle società. Cinquanta finanzieri del nucleo di polizia economico finanziaria e delle compagnie di Sabaudia e Terracina, sono entrati in azione con il supporto di un elicottero del reparto operativo aeronavale di Civitavecchia per monitorare anche dall'alto la presenza di braccianti su tutta l'estensione delle aree agricole interessate.

caporalato latina

Le ispezioni e il monitoraggio ha riguardato la verifica del rispetto dei diritti dei lavoratori, la prevenzione di condotte illecite e di condizioni di sfruttamento e soprusi. Nel corso dell'operazione i finanzieri hanno acquisito documentazione contabile e contratti e ogni altro documento relativo alla gestione delle società, hanno poi identificato i lavoratori presenti e acquisito da loro informazioni sulla natura effettiva del rapporto di lavoro, sulle prestazioni svolte e le condizioni lavorative. L'attività ha consentito di identificare 103 braccianti, tutti di nazionalità straniera, provenienti soprattutto dall'India, dal Bangladesh e dal nord Africa. Sei di questi sono risultati privi del permesso di soggiorno, mentre dai primi riscontri sono emerse irregolarità su almeno 50 posizioni lavorative: dall'assenza totale del contratto a un numero di ore superiore a quelle previste dal contratto fino alla corresponsione di salari nettamente inferiori rispetto a quelli ufficialmente dichiarati.

Controlli nelle aziende agricole - Il video

Ulteriori e più mirati accertamenti sono ancora in corso per ricostruire le singole posizioni e per verificare condizioni di abuso, di caporalato e sfruttamento del lavoro. L'operazione è stata avviata nella giornata di ieri, martedì 9 luglio, ma si aggiunge ad altre attività di controllo già in corso o in via di definizione, che rientrano nella strategia di contrasto al lavoro sommerso e allo sfruttamento della manodopera che mina i diritti dei lavoratori e la dignità e compromette la leale competizione tra imprese.

controlli lavoro nero finanza

Nelle stesse ore era in corso una retata dell'antimafia nelle province di Napoli, Caserta, Potenza, Matera, Cosenza, Sassari, L'Aquila e Pesaro-Urbino e della guardia di finanza a Salerno. Alla base dell'indagine la scoperta di un meccanismo che permetteva l'ingresso fraudolento in Italia di cittadini extracomunitari che pagavano fino a 5mila euro per rientrare nelle quote del decreto flussi.

Aziende finte e migranti fatti arrivare con un click: ecco l'agenzia di reclutamento dei caporali 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dopo la morte di Satnam ispezioni a tappeto nelle aziende agricole: irregolare il 50% dei contratti
Today è in caricamento