Domenica, 13 Giugno 2021
Coppia Acido

Coppia acido, la nuova richiesta: "Martina con il figlio all'Icam"

La struttura è pensata appositamente per le madri detenute e i loro piccoli. A fare la richiesta è il legale della donna, che nei giorni scorsi aveva chiesto di essere accolta in una delle strutture gestite da Don Mazzi

Martina Levato, la studentessa condannata a 14 anni per un'aggressione con l'acido, e il suo bimbo devono essere trasferiti assieme all'Icam, Istituto di custodia per madri detenute con figli. E' la richiesta principale avanzata dagli avvocati Stefano De Cesare e Laura Cossar, nell'istanza depositata al tribunale dei minori che dovrà decidere sul collocamento del piccolo. La ragazza deve inoltre poter allattare il figlio, visto che finora non le è stato concesso farlo. 

CHE COSA È L'ICAM

In subordine, il difensore chiede che venga mandata in una comunità di don Mazzi, il quale gli ha fatto pervenire in queste ore un documento di accettazione. Come terza possibilità, l’avvocato indica i nonni materni. Intanto il piccolo Achille è stato dimesso dalla clinica Mangiagalli di Milano, dove era nato a Ferragosto. Il bambino dovrebbe essere portato in una comunità protetta per minori, mentre la madre, che per ora è ancora ricoverata, dovrebbe tornare in carcere. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coppia acido, la nuova richiesta: "Martina con il figlio all'Icam"

Today è in caricamento