Venerdì, 24 Settembre 2021
Corruzione

Corruzione, arresti al ministero dell'Agricoltura: soldi e vacanze in cambio di appalti

Contributi e finanziamenti pubblici, contratti o gare d'appalto finivano ad 'amici' in cambio di denaro, vacanze o addirittura mobili e pacchi dono di generi alimentari. In manette dirigenti e funzionari

L'accordo era semplice: dirottare contributi e finanziamenti pubblici, contratti con l'amministrazione e far aggiudicare le gare pubbliche a una serie di imprenditori 'amici'.

Il tutto, in cambio di denaro in contanti, vacanze pagate all'estero, soggiorni in resort e centri benessere di lusso. Ma non solo. Oggetto degli accordi erano anche stage e promesse di posti di lavoro per parenti, amici e amanti e perfino generi alimentari e oggetti d'arredamento.

La Guardia di finanza di Roma ha accertato un "diffuso sistema di corruzione" nell'ambito del ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali e ha arrestato 11 persone tra dirigenti, funzionari pubblici del ministero e imprenditori, con l'accusa di corruzione per atti contrari ai doveri di ufficio, turbata libertà degli incanti e di turbata libertà nella scelta del contraente.

I dirigenti e funzionari del ministero coinvolti in pratica si accordavano di volta in volta con alcuni imprenditori, e in cambio ricevevano compensi di vario tipo.

Nel complesso sono indagate 37 persone, tra cui 13 dirigenti e funzionari pubblici, nei confronto dei quali è stato disposto il sequestro preventivo per equivalente di denaro e beni per un valore di oltre 22 milioni di euro: tra i beni sequestrati 43 tra terreni e fabbricati, 10 tra autoveicoli e motocicli e numerosi conti correnti, depositi titoli e polizze assicurative.

Tra gli arrestati spicca il nome di Giuseppe Ambrosio, attualmente direttore generale del Consiglio per la ricerca e la sperimentazione in agricoltura e capo della segreteria del sottosegretario Braga. Ambrosio, soprannominato 'il centurione' (da cui il nome dell'operazione), è stato arrestato oggi assieme alla moglie e a una persona 'di fiducia', entrambi dipendenti del ministero.

Per Ambrosio l'accusa, oltre a quella di aver favorito alcuni imprenditori dietro compenso, è quella di aver contribuito alla concessione di contributi pubblici in favore dei comuni di Maratea e di Todi. Nel primo caso, 63.500 euro e nel secondo 125mla euro. In cambio, sarebbero state 'omessi' i controlli per dei lavori di ampliamento - abusivi - nelle ville di proprietà del funzionario.


Per i lavori nelle ville, poi, Ambrosi avrebbe impiegato risorse per circa 1,27 milioni di euro che gli inquirenti hanno giudicato "non coerenti con il proprio reddito".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Corruzione, arresti al ministero dell'Agricoltura: soldi e vacanze in cambio di appalti

Today è in caricamento