Martedì, 26 Ottobre 2021
Costa Concordia / Grosseto

Costa Concordia, un minuto prima del naufragio tra plancia e timone si rideva

Schettino riprende il suo timoniere che aveva capito male i suoi ordine: "Così ci infrangiamo sugli scogli". E giù risate. Ottanta secondi dopo, l'impatto. Così anche il timoniere è indagato per concorso in naufragio

"Otherwise we go on the  rocks". "Altrimenti ci infrangiamo sugli scogli". E così il comandante della Costa Concordia, Francesco Schettino, ordina nuovamente al timoniere Jacon Rusli  "350!". Rusli, infatti, aveva capito "340". E alla battuta del Comandante, "Altrimenti ci infrangiamo sugli scogli", tutti scoppiano in una fragorosa risata.

Peccato, però, che appena un minuto e venti secondi dopo questa conversazione, la Costa Concordia impatterà contro lo scoglio delle Scole. 

Schettino era in plancia e dava le indicazioni di rotta. Rusli era al timone. E nella concitazione del momento, tra i due c'è stata una tragica incomprensione. Per questo anche il timoniere della Costa è stato iscritto nel registro degli indagati per il naufragio del 13 gennaio.

LA SCATOLA NERA - Nella perizia sulla scatola nera, viene evidenziato come il timoniere della nave, Jacob Rusli, commise, proprio all'ultimo, un errore nell'eseguire i comandi di Francesco Schettino. E' pur vero, spiegano gli inquirenti, che l'errore è probabilmente dovuto alla concitazione e alla confusione di quei minuti, che si situano tra il momento in cui il comandante capisce che la nave sta per andare a sbattere contro gli scogli e il momento in cui cerca di correggere, disperatamente la rotta.?

La Costa Concordia vista dall'isola

?"Alle 21:44:34 - scrivono i periti - il comandante mette la barra al centro perché si avvede che la poppa, per l'effetto della marcata accostata a dritta, sta scodando e rischia di impattare lo scoglio. Alle 21:44:44 ordina dieci gradi a sinistra per contrastare la rotazione della poppa verso lo scoglio. Subito dopo accentua la manovra ordinando venti gradi a sinistra. Questo è quanto ordinato dal comandante". 

Costa Concordia, i soccorsi

TIMONIERE INDAGATO - "Analizzando però nel dettaglio il comportamento del timoniere - continuano i periti - si nota che costui non esegue prontamente quanto ordinato e addirittura, in questo frangente così critico, sbaglia la direzione di accostata".??

"Cioè quando il comandante decide di passare da barra al centro fino a venti gradi di barra a sinistra, il timoniere va a dritta arrivando fino a circa venti gradi, come se avesse inteso dritta al posto di sinistra, per poi riportare la barra a sinistra come ordinato con un ritardo significativo". Vi è un intervallo di tempo di tredici secondi "durante i quali il timoniere inizialmente viene a dritta e, probabilmente d'iniziativa, corregge a sinistra per soddisfare l'ordine iniziale di venti gradi a sinistra, senza produrre però un cambio di direzione della nave ma solo un rallentamento dell'accostata". Il timoniere è dunque indagato per "concorso in naufragio".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Costa Concordia, un minuto prima del naufragio tra plancia e timone si rideva

Today è in caricamento