rotate-mobile
Lunedì, 24 Gennaio 2022
Cronaca Genova

Crolla un ponte dell'autostrada a Genova: "Decine di morti, anche un bimbo"

"Una trentina le auto cadute nel vuoto". Il bilancio della Protezione civile dopo il crollo a Genova del viadotto Morandi sull'autostrada A10. Le immagini postate sui social mostrano il ponte tranciato di netto. La società Autostrade: "Erano in corso lavori di consolidamento"

Le immagini aeree del ponte crollato a Genova

Le immagini del crollo del ponte Morandi a Genova nelle immagini dell'elicottero dei vigili del fuoco

Dopo il crollo del viadotto Polcevera dell'autostrada A10, avvenuto la mattina del 14 agosto 2018 a Genova, le parole dell'allora presidente di Confindustria, Giovanni Calvini, dette al quotidiano Secolo XIX il 4 dicembre 2012 sulle opposizioni alla costruzione della Gronda (na bretella autostradale progettata a Genova, Ndr) appaiono addirittura profetiche: "quanto tra dieci anni il Ponte Morandi crollerà, e tutti dovremo stare in coda nel traffico per delle ore, ci ricorderemo il nome di chi adesso ha detto no".

Le parole dell'ex-presidente di Confindustria causarono una dura presa di posizione da parte del consigliere comunale 5 stelle Paolo Putti durante una riunione del Consiglio Comunale lo stesso giorno della pubblicazione dell'articolo. .

Per comprendere la polemica, bisogna ricordare che allora il Movimento 5 Stelle appoggiava alcuni comitati contrari alla Gronda e che una variante del progetto della stessa Gronda prevedeva proprio l'abbattimento del ponte Morandi, spostando all'interno il tracciato autostradale. 

Nello 2009 Autostrade aveva pubblicato lo studio “La Gronda di Genova. Presentazione sintetica delle ipotesi di tracciato”. Il ponte Morandi – si legge – costituisce di fatto l’unico collegamento che connette l’Italia peninsulare ad est, la Francia meridionale e la Spagna ad ovest, ed é il principale asse stradale tra Genova, le aree residenziali periferiche, il porto di Voltri, l’aeroporto e le aree industriali di ponente. Lo svincolo di innesto sull’autostrada per Serravalle, all’estremità est del viadotto, produce quotidianamente, nelle ore di punta, code di autoveicoli ed il volume raggiunto dal traffico provoca un intenso degrado della struttura sottoposta ad ingenti sollecitazioni. 

In queste ore fa discutere un vecchio comunicato-post del 2013 dei Comitati No Gronda ospitato sul sito del Movimento 5 Stelle, venivano spiegati i motivi della contrarietà alla Gronda di Ponente.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crolla un ponte dell'autostrada a Genova: "Decine di morti, anche un bimbo"

Today è in caricamento