rotate-mobile
Giovedì, 2 Dicembre 2021
nsagate

Spiate 46 milioni di telefonate in Italia (in un solo mese)

In Italia sono state spiate 46 milioni di telefonate in un mese. L'Nsa: "Barack Obama non è mai stato informato dello spionaggio". Ma i repubblicani gettano benzina sul fuoco: "L'Europa dovrebbe ringraziarci"

Lo scandalo Datagate-Nsagate "regala" nuovi numeri da capogiro. In Italia sono state spiate 46 milioni di telefonate in un mese dalla National Security Agency.

Lo rivela il sito web "Cryptome", considerato una sorta di precursore di Wikileaks, che ha pubblicato le medie mensili dei dati relativi al periodo compreso tra il 10 dicembre 2012 e l'8 gennaio del 2013. In Germania, nello stesso arco di tempo sono stati tracciati 361 milioni di "metadati" in 30 giorni. Nel mondo, Stati Uniti compresi, le telefonate spiate in un mese dalla Nsa sono state 124,8 miliardi.

I dati pubblicati dal sito web riguardano il programma della Nsa denominato "Boundless Information" (Informazioni senza limiti) e coincidono con le cifre relative alla Francia gia' rivelate da "Le Monde" e con i dati sulla Spagna pubblicati dal "El Mundo". Il quotidiano spagnolo ha stretto un accordo con il giornalista Glenn Greenwald (il depositario dei segreti di Edward Snowden la talpa del Nsagate) che ha firmato l'articolo relativo alla Spagna da Rio de Janeiro insieme a German Aranda. I metadati tracciati riguardano soltanto i numeri di telefono e la durata delle chiamate: ma in Spagna si tratta di un delitto di carattere penale.

Il documento sulle telefonate spiate di Cryptome contiene una serie di grafici, con colonne che indicano i flussi intercettati. In Italia il giorno di picco, con oltre 4 milioni di telefonate spiate, e' il 13 dicembre del 2012. In Pakistan le telefonate intercettate in un mese risultano 12.76 miliardi, in Afghanistan 21,98 miliardi, in India 6,28 miliardi, in Iraq 7,8 miliardi, in Arabia Saudita 7,8 miliardi, negli Usa 3 miliardi, in Egitto 1,9 miliardi, in Iran 1,73 miliardi e in Giordania 1,6 miliardi.

Intanto la Casa Bianca tenta di porre rimedio al deflagrare dell'Nsagate. Il capo uscente della National Security Agency, il generale Keith B. Alexander ha reso noto che Barack Obama non e' mai stato informato delle attivita' di spionaggio che l'agenzia effettuava sul telefonino del cancelliere tedesco Angela Merkel. E il Wall Street Journla annuncia che il programma di spionaggio di 35 leader politici in tutto il mondo è stato sospeso.

Ma quel che è certo è che le polemiche non sono finite. I repubblicani negli Usa gettano benzina sul fuoco. L'Europa dovrebbe essere grata agli Usa perché, "la verita' è che la National Security Agency ha salvato miglia di vite, non solo negli Usa ma anche in Francia e Germania e in tutta l'Europa". Questo il punto di vista di Peter King, presidente della subcommissione intelligence e antiterrorismo della Camera. Per King il presidente dovrebbe, "smetterla di scusarsi e di restare sulla difensiva". Anzi, King ricorda che "la Francia ha effettuato operazioni di spionaggio contro gli Stati Uniti, sia il governo che le imprese. E la Germania, e' da dove e' partito il complotto di Amburgo (dove vivevano molti dei terroristi degli attentati del) l'11 settembre. E hanno trattato con Iran, Iraq e Corea del Nord". Sulla stessa linea il presidente della commissione Intelligence della Camera, Mike Rogers, secondo il quale l'accusa che l'Nsa avrebbe spiato milioni di francesi sarebbe del tutto falsa.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spiate 46 milioni di telefonate in Italia (in un solo mese)

Today è in caricamento