rotate-mobile
Martedì, 25 Gennaio 2022
Le foto inedite

Morte David Rossi, nuova inchiesta dopo le dichiarazioni in tv di Massimo Giletti

Acquisita dai magistrati della Procura di Genova la puntata di Non è l'arena in cui il giornalista ha affrontato il caso della morte del capo della comunicazione di Mps avvenuta nel 2013 a Siena

La Procura di Genova ha aperto un fascicolo per atti relativi, senza ipotesi di reato, dopo le dichiarazioni di Massimo Giletti a Non è l'arena sulla morte di David Rossi, il capo della comunicazione di Mps precipitato dalla finestra del suo studio nel marzo 2013 a Siena.

Nel corso dell'ultima puntata della trasmissione di La7, acquisita dai magistrati, si è parlato di due video e 61 foto inedite girate dalla polizia e non allegate al fascicolo che i pubblici ministeri senesi aprirono dopo il decesso di Rossi. Dall'esistenza del materiale ha parlato la poliziotta della scientifica Federica Romano in audizione, il 25 novembre, della Commissione parlamentare.

I pm genovesi riceveranno dalla stessa Commisione il verbale del colonnello dei carabinieri Pasquale Aglieco, all'epoca comandante provinciale di Siena, che nel corso dell'audizione ha riferito di essere entrato nell'ufficio di Rossi subito dopo la sua morte con il pm Antonino Nastasi, uno dei tre sostituti senesi, insieme a Nicola Marini e Aldo Natalini. Secondo i commissari, dal quel resoconto sarebbe emerso un grave inquinamento probatorio: dal rovesciamento del cestino, alla chiusura della finestra da cui precipitò Rossi in un vicolo sul retro della sede di Mps, dagli effetti personali toccati o mossi nella stanza tra cui il computer, fino ai momenti in cui un pm avrebbe risposto a due telefonate pervenute sul cellulare del manager. Quest'ultima circostanza sarebbe stata smentita già dai tabulati telefonici. Ai magistrati genovesi, la Commissione manderà anche le audizioni di altri appartenenti alle forze dell'ordine, secretate: dal luogotenente Nesticò ai poliziotti Gigli, Marini e Romano. Nei prossimi giorni i pm apriranno un fascicolo: le ipotesi di reato potrebbero essere quelle di favoreggiamento, omissione d'atti d'ufficio e falso.

Morte David Rossi, le dichiarazioni di Giletti

"Una persona a me vicina mi ha chiamato e mi ha detto che nel fascicolo la polizia aveva portato altre 61 fotografie e altri due filmati di cui non c'è più traccia". Queste le parole di Massimo Giletti durante Non è l'arena sul caso di David Rossi, affrontato in studio insieme alla figlia e al giornalista Antonino Monteleone. "Quello che sto dicendo è di una gravità inaudita - ha continuato Giletti - la persona che me lo ha detto ha certezza matematica e mi assumo le responsabilità". "Perché sono spariti?", si è chiesto Giletti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morte David Rossi, nuova inchiesta dopo le dichiarazioni in tv di Massimo Giletti

Today è in caricamento