Sabato, 15 Maggio 2021

De Luca: "Chiuderò i negozi dove non si usano le mascherine". Poi lo show contro i "cafoni incivili"

Il governatore della Campania: "Non sono preoccupato, sono preoccupatissimo"

Vincenzo De Luca

"Darò disposizione, forse faremo un'altra ordinanza, perché siano chiusi i negozi nei quali vengono trovati clienti senza mascherina. Non solo gli addetti, ma anche i clienti". Lo ha annunciato il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca.  "Non sono preoccupato, sono preoccupatissimo" ha aggiunto De Luca. "A settembre, con la ripresa delle scuole, si rischia la ripresa del contagio e a quel punto si dovrà chiudere tutto". "O abbiamo un comportamento rigoroso, e allora riusciamo a gestire questi mesi che ci separano dal vaccino, oppure non arriviamo neanche a settembre" ha ammonito. "Quindi è bene avvertire prima i nostri concittadini: dobbiamo spiegare a tutti quanti che occorre rispetto per la collettività, nessuno si può consentire di essere irresponsabile. Senza il senso di responsabilità dei cittadini non governeremo questa fase di transizione".

Sui mezzi pubblici senza mascherina? "Cafoni e incivili"

La preoccupazione di De Luca non è affatto campata in aria. Ieri in Campania sono stati registrati 19 casi di Covid, con l'indice Rt balzato improvvisamente a 1,38. Il governatore ha invitato i cittadini campani al rispetto delle misure anti-Covid. In primo luogo a bordo dei mezzi pubblici. "Le altre aziende di trasporto regionale debbono seguire l'esempio di Trenitalia, e bloccare i mezzi dove ci sono passeggeri senza mascherina. Bisogna indicarli all'indignazione pubblica. Sono cafoni incivili, che mettono a rischio la salute degli altri. Se il Governo apre, com'è giusto, alla mobilità interregionale dobbiamo prevedere comportamenti responsabili da parte dei cittadini. Altrimenti avremo un ritorno del contagio a settembre".

La frecciata alle forze dell'ordine

Il presidente della Campania non ha risparmiato nemmeno le forze dell'ordine, accusadole di aver abbassato l'attenzione. "Serve più impegno da parte delle forze dell'ordine, che nei controlli anti-epidemia è completamento scomparso. Non è possibile. Le polizie municipali devono essere attivate, vorrei che si ricreasse un clima di attenzione, perché davvero rischiamo di farci male. Gli ultimi contagi che abbiamo registrato riguardano arrivi dalla Serbia, dalla Romania, dal Brasile, dal Venezuela. È chiaro che ci dev'essere un controllo rigoroso alle frontiere. Per quello che mi riguarda bisogna mettere i controlli anche per chi viene dagli Stati Uniti: è incredibile che abbiamo il Paese a più alto livello di contagio e non vi sono barriere per chi arriva dagli Usa. Non può reggere una situazione del genere".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

De Luca: "Chiuderò i negozi dove non si usano le mascherine". Poi lo show contro i "cafoni incivili"

Today è in caricamento