Domenica, 28 Febbraio 2021
Brescia

Falsificava i certificati, mamma "no vax" denunciata dalla scuola del figlio

Pensava di aver avuto una grande idea: e invece è nei guai

Pensava di aver avuto una grande idea: e invece è nei guai. È stata denunciata dalla scuola la mamma no-vax che si vantava di aver falsificato i documenti per far ammettere la figlia a scuola nonostante non avesse effettuato i vaccini obbligatori per legge. Tutto inizia con un post su Facebook, poi il polverone in rete, infine la denuncia. Una conversazione, tutt'altro che privata, tra mamme no vax. Una di loro, di casa in un comune della Valle camonica, si è apertamente vantata di aver aggirato i controlli dell'asilo, falsificando un documento sulle vaccinazioni della propria figlioletta. "Ti è rimasto un foglio mandato dall'Asl con le vaccinazioni che devi fare? Ecco, io ho fatto così: l'ho preso, scannerizzato, cambiato data e portato alla materna, fine. Mi sono fatta furba così"

Il messaggio era rivolto a un'altra madre, il cui figlioletto è iscritto alla stessa scuola materna. "Bella idea" risponde l'altra, poi la conclusione colorita : "È un anno che li prendo per il c...". Per chiudere una sequela di faccine sorridenti. Nonostante la successiva cancellazione, il messaggio non è passato inosservato, e il gruppo "No alle pseudoscienze" ha salvato e segnalato tutto alle autorità competenti. Ora la scuola materna Maria Bambina di Esine, che la mamma si vantava di aver beffato, ha reagito: i dirigenti scolastici si sono recati dai carabinieri per sporgere denuncia.

vacci-3

Il caso è arrivato anche in Regione Lombardia. "Presenterò una interrogazione urgente all’assessore Giulio Gallera perché sia fatta la massima chiarezza sul caso del certificato falso presentato da una madre `no vax´ del bresciano che si vantava su Facebook di aver aggirato le regole per l’ammissione di sua figlia in una scuola materna",  annuncia Viviana Beccalossi, consigliere lombarda del Gruppo Misto. "Sono certa - ha aggiunto - che chi dovrà indagare sul caso saprà fare piena luce, ma è necessario capire se si tratta di episodi isolati, a tutela della salute di tutti i bambini che non può essere preda di comportamenti irresponsabili". Secondo la consigliera "se quanto riportato dalle notizie fosse vero sarebbe la dimostrazione di quanto sia importante fare chiarezza sulla questione vaccini e che affidarsi all’autocertificazione da parte dei genitori, peraltro senza controlli, sia davvero una follia, oltre che un vero pericolo per i bambini, specie per quelli con problemi immunitari". Leggi su BresciaToday

Vaccini, il post del medico: "Mia nipote è immunodepressa, il M5S mi dica cosa fare"

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Falsificava i certificati, mamma "no vax" denunciata dalla scuola del figlio

Today è in caricamento