rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Controlli serrati

Denunciato regista manifestazioni "no pass": armi in casa e spaccio di Green pass

Durante la perquisizione dell'abitazione del 28enne milanese sono state sequestrate un’accetta, un coltello "survivor" e un tirapugni. Distribuiti mille Green pass scaricati dalla rete

Denunciato per istigazione a delinquere aggravato da mezzo telematico un 28enne di Milano, conosciuto con lo pseudomino di Zeno, dopo le ultime manifestazioni dei "no pass". Secondo le indagini, il giovane tatuatore era diventato un punto di riferimento dei no vax: sarebbe l'amministratore della chat Telegram "No Green-pass! Adesso Basta! Movimento italiano" e del gruppo Facebook "No Green Pass Adesso Basta!! Parte 2",  con circa 32.000 iscritti totali. 

Proprio da questi gruppi social sarebbe partita la protesta milanese di sabato scorso contro la certificazione verde voluta dal governo per frenare i contagi Covid. Zeno, che per la partecipazione ai cortei non autorizzati era già stato denunciato e sottoposto a un Daspo urbano, avrebbe incitato i No Green pass a "trovare metodi di protesta nuovi ed eclatanti" per avere "nuova visibilità".

"Attraverso un malizioso ed ingannevole uso dei social network, il 28enne, dalla scorsa estate, si è posto come fondamentale punto di riferimento per i no vax, ideando e lanciando per la prima volta il corteo da Piazza Fontana il sabato pomeriggio", scrivono gli inqurenti. Zeno, inoltre, avrebbe promosso una "mobilitazione nazionale per il prossimo sabato 27 in piazza Duomo, evidenziando surrettiziamente che vi avrebbe preso parte un milione di persone ed esortando i partecipanti a portare ed accendere torce da stadio". Nei suoi piani anche una manifestazione internazionale da tenersi a Ginevra (Svizzera) il prossimo 31 dicembre 2021.

"È da considerarsi senza ombra di dubbio uno dei protagonisti delle proteste in atto, in grado di condizionare le scelte degli attivisti grazie all'intensa attivita? di proselitismo ed incitamento allo svolgimento di iniziative illegali", ha scritto il capo del Pool dell'Antiterrorismo della procura di Milano, Alberto Nobili. 

Perquisizione a casa di Zeno: Green pass falsi, due armi e coltelli

Durante la perquisizione dell'abitazione del giovane 28enne sono state sequestrate un’accetta, un coltello "survivor" e un tirapugni. Ritirate in via cautelativa dalla Questura due armi regolarmente denunciate. Zeno ha poi ammesso di aver scaricato dalla rete e distribuito gratis a diversi utenti circa mille green pass "su cui sono in corso accertamenti per rintracciarne l’origine". Per questo è stato denunciato anche per il reato di ricettazione, insieme ad altre due persone.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Denunciato regista manifestazioni "no pass": armi in casa e spaccio di Green pass

Today è in caricamento