Lunedì, 1 Marzo 2021
Massa-Carrara

Impiegati assenteisti, 26 arresti: c'è anche il comandante della polizia provinciale

Settanta in tutto gli indagati

Durante l'orario di lavoro andavano a fare la spesa, al bar, accompagnavano i figli a scuola. C'era anche chi andava a messa e chi lavorava nella tabaccheria della moglie. Settanta dipendenti pubblici della Provincia di Massa Carrara e del Genio Civile risultano ora indagati: di questi 29 sono agli arresti domiciliari e tre con divieto di dimora nella Provincia. L'accusa contro di loro, mossa dalla Procura di Massa, è "prassi di assenteismo ingiustificato". Tra gli arrestati il comandante della polizia provinciale, l’autista del presidente della Provincia, un messo notificatore della Provincia e dieci funzionari del Genio civile di Massa.

Nel paese degli assenteisti: indagati metà impiegati del Comune

Gli assenteisti sono stati monitorati in un arco temporale assai significativo (dal novembre 2016 al maggio 2018) perché con cadenza quasi giornaliera si sono assentati senza giustificazione dai luoghi di lavoro, spesso più volte nell’arco della stessa giornata, per svolgere le più disparate attività. L’attività investigativa svolta ha infatti messo in luce l’esistenza di una lunga, consolidata e diffusa prassi di assenteismo ingiustificato realizzato attraverso un sistematico ed ingegnoso aggiramento delle regole che disciplinano il rapporto di pubblico impiego.

Gli indagati sono dipendenti di 'Enti Pubblici Territoriali' ubicati nel capoluogo apuano della provincia di Massa Carrara e del 'Genio civile' nei settori bonifiche e autorizzazioni Rifiuti, Genio civile Toscana Nord, Sismica, Servizi pubblici locali, energia e inquinamento, Servizi direzionali organizzazione e sviluppo risorse umane, Autorizzazioni ambientali.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Impiegati assenteisti, 26 arresti: c'è anche il comandante della polizia provinciale

Today è in caricamento