rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021
Cronaca

Il sabato antagonista di Roma: "Siamo 70mila": il racconto della giornata minuto per minuto

Il corteo dei movimenti e del mondo antagonista a Roma. "Assedio" dei manifestanti davanti al Ministero delle Finanze

E' stato un sabato blindato per la capitale. A Roma il corteo dei movimenti per il diritto all'abitare, con la partecipazione dei No-Tav. Il corteo era stato lanciato mesi fa dai movimenti per la casa, condiviso da No Tav e centri sociali e da una vasta area della sinistra radicale che critica l'austerity, le politiche di rigore e la precarietà. Un sabato di "assedio ai simboli del potere", identificati nel Ministero delle Finanze e delle Infrastrutture. Alcuni momenti di tensione lungo il percoso (una decina di fermati) ma soprattutto una grandissima partecipazione: più di 50mila i manifestanti accorsi da tutta Italia. Di seguito, minuto per minuto, tutto il racconto della giornata.

Foto dalla manifestazione (Roma 19 ottobre)

DIRETTA: LA CRONACA DAL CORTEO (foto di Daniele Nalbone)

Ore 19 - Tutti i manifestanti hanno raggiunto Porta Pia, termine del corteo.

Ore 18.50 - Due carabinieri sono rimasti lievemente feriti nel corso degli scontri avvenuti nei pressi del ministero del Lavoro a via Flavia. Le persone fermate sono 11 in totale.

Ore 18.45 - A Porta Pia i manifestanti montano le prime tende. L'intenzione è quella di continuare "l'assedio" e rimanere in piazza ancora a lungo.

Porta Pia, termina il corteo

Ore 18.30 -  Bombe carta sono state lanciate contro il ministero delle Infrastrutture e contro la sede delle Ferrovie dello stato. Uno sparuto gruppo di incappucciati sta costruendo barricate con cassonetti dati alle fiamme in Corso d'Italia. Porta Pia, la meta finale del corteo, è ormai a due passi

Ore 18.20 - Il gruppo di Anonymous ha "oscurato" anche il sito del Ministero dello Sviluppo Economico, dopo aver fatto lo stesso con i siti di Cassa Depositi e Prestiti, Corte dei Conti e Ministero delle Infrastrutture.

Ore 18.10 - Fermati alcuni incappucciati. Un cassonetto in fiamme.  Il piccolo gruppo di incappucciati che aveva gettato bombe carta contro i blindati ha innalzato delle barricate lungo via Quintino Sella e via Goito usando cassonetti dell'immondizia.

cassonetto-4

Ore 17.55 - Scontri davanti al ministero

Ore 17.50 - Circondata anche la sede della Cassa Depositi e Prestiti. Davanti al ministero dell'Economia sassi e petardi contro i blindati da parte di un piccolo gruppo di incappucciati.

Ore 17.45 - Il corteo si dirige verso la sede delle Fs e del Ministero delle Infrastrutture, a Porta Pia.

Ore 17.40 - Assedio e lancio di bottiglie davanti alla sede del Ministero dell'Economia e delle Finanze. A protezione del ministero ci sono barriere agli ingressi. Cinque blindati della guardai di Finanza circondano la sede del dicastero.

assedio-2

Ore 17.20 - Il corteo in avvicinamento al ministero delle Finanze

Ore 17.07 - VIDEO DALLA PIAZZA

Ore 16.55 - Un improvviso lancio di bottiglie dal corteo degli antagonisti all'incrocio tra via Gioberti e via Napoleone III, dove c'è la sede di Casapound. Un piccolo gruppo di manifestanti si e' staccato dal corteo per dirigersi verso l'ingresso del centro sociale di destra per rispondere alle provocazioni, ma e' stato bloccato dalle forze dell'ordine. Lancio di uova contro una filiale del Montepaschi.

Ore 16.50 - Lungo il percorso del corteo in corso a Roma gli agenti della polizia hanno trovato nascosti sanpietrini e spranghe. Gli oggetti sono stati rimossi e sequestrati mentre continuano le bonifiche delle forze dell'ordine, polizia e carabinieri, che da ieri sera sono impegnati in controlli a tappeto lungo il tragitto della manifestazione.

Ore 16.45 - "Aumentiamo sempre di piu': ora siamo 70mila" affermano gli organizzatori del corteo. Poche le sigle, solo le "lotte territoriali" dei No Tav-No Muos

Ore 16.30 -  La testa del corteo e' arrivata a Santa Maria Maggiore ma la coda si trova ancora a San Giovanni, che continua a riempirsi di gente.

Ore 16.15: Su Twitter sta "girando" molto una foto in cui un migrante sorregge un cartello con su scritto: "Scusate se non siamo affogati". Chiaro il riferimento al drammatico naufragio di Lampedusa. (Fonte foto: @camillo_zu su Twitter)

e-4

Ore 16.10 - Molti negozi hanno preferito tenere le serrande abbassate lungo il percorso della manifestazione odierna del mondo antagonista a Roma. A mantenere le porte aperte solo qualche sparuto negozio di alimentari, o di bar-tabacchi, che sperano di sfruttare la massa di persone affluita nella Capitale.

Ore 16.00 - Ironia in piazza: "Siamo venuti già menati".

1-38-3

Ore 15.50 - La partecipazione è superiore alle aspettative: una prima stima parla di 20 mila manifestanti.

Ore 15.40 - Ad aprire il corteo un camion con lo striscione: ''Contro la precarieta' e l'austerita' organizziamo la nostra rabbia''

Ore 15.20 - E' partito il corteo. Tra i manifestanti che sta sfilando da piazza san Giovanni anche molti migranti, richiedenti asilo e profughi. Alla partenza in molti hanno scandito slogan come 'Lampedusa! Lampedusa'.

Ore 15 - In attesa degli arrivi degli attivisti dal Nord Italia, il corteo e' fermo a piazza San Giovanni

Ore 14.50 -  "Ci sono diversi pullman fermati dalla polizia all'ingresso di Roma, per questo non partiamo: vogliamo attendere tutti". I manifestanti spiegano il motivo del ritardo della partenza del corteo.

Ore 14.40: Blindati delle forze dell'ordine presidiano tutto il percorso del corteo, dei movimenti di lotta per la casa, che sta per partire da piazza San Giovanni. I manifestanti in piazza, ora diverse migliaia, raggiungeranno Porta Pia passando per piazza della Repubblica, punto considerato a rischio.

Ore 14.10 - Il Ministero dell'Economia "blindato" prima del passaggio del corteo.

roma2-2

Ore 14.00 - 'Una sola grande opera: casa e reddito per tutti'. E' uno dei primi slogan del popolo dei manifestanti che a piazza San Giovanni si prepara alla manifestazione che sfilera' per il centro di Roma.

Ministero dell'Economia "blindato"

Ore 13.50 - E' scattata, come previsto, la chiusura delle stazioni metro Repubblica e Barberini, sulla linea A, Castro Pretorio e Colosseo sulla linea B. Lo comunica l'Agenzia per la mobilita' sottolineando che i treni transitano senza fermarsi.

IL CORTEO - Il corteo sfila dalle 14 alle 20, partendo da piazza di Porta San Giovanni e proseguendo lungo via Merulana, piazza di Santa Maria Maggiore, via Liberiana, via Cavour, via Giovanni Amendola, viale delle Terme di Diocleziano, piazza della Repubblica, via Cernaia, via XX Settembre, via Goito, piazza dell'Indipendenza, via San Martino della Battaglia, viale Castro Pretorio, piazza della Croce Rossa, viale del Policlinico fino a Porta Pia. Gli studenti dei Collettivi hanno annunciato un concentramento alle 12 in piazzale Aldo Moro, all'ingresso dell'universita' La Sapienza, per poi raggiungere da li' il concentramento di piazza San Giovanni.

MANIFESTAZIONE A ROMA: BANCHE BLINDATE

Gli organizzatori si attendono circa 20mila persone. Il ministero dell’Interno si sta preparando: 4mila agenti schierati, strade bonificate, tolti tutti i cassonetti, tombini sigillati. La città sarà blindata in un triangolo di quasi tre chilometri fra piazza della Repubblica, San Giovanni e Porta Pia.

Assedio ai potenti: le due giornate di Roma

"MACCHINA DELLA PAURA" -  ''La macchina della paura e' partita in pompa magna. E con essa anche la macchina della repressione, oggi infatti a Roma il clima si e' scaldato, ma certo non a causa di black block o presunti terroristi''. Cosi' i Comitati e movimenti verso il 19 Ottobre a poche ore dall'inizio della manifestazione di Roma.

''Ci siamo, ci stiamo preparando all'assedio'', spiegano i Comitati, che in una ''riflessione sulla macchina repressiva'' sottolineano come ''se in questi giorni le ragioni del corteo e la rabbia che ci spinge a scendere in piazza, non hanno sfondato la cortina di ferro della stampa mainstream, le uniche notizie che sono uscite sulla giornata di domani sono state in termini di gestione dell'ordine pubblico. Martellante e' stato il bombardamento: 'gli spaccavetrine scendono a Roma', 'i Notav -entita' che ha sostituito nell'immaginario la fantomatica figura del black block- assedieranno la città". E allora, si domandano gli organizzatori della manifestazione contro l'Austerity, ''chi alza la tensione?''.

Cortei, a Roma blindano le banche

Si temono blitz improvvisi e azioni provocatorie di qualche frangia più violenta. Il timore è chiaro: che i tanto temuti "black bloc" possano infiltrarsi tra i manifestanti, precari, studenti, movimenti, No Tav. Per questo nella capitale è "allerta massima".

SCIOPERO GENERALE, CORTEO A ROMA | FOTO DANIELE NALBONE

Torna la paura: fermati cinque black bloc

CONTROLLI PRVENTIVI - Quattro anarco-insurrezionalisti di Trento sono stati bloccati ieri sera vicino al ministero dell'Economia a Roma nell'ambito dei controlli preventivi disposti dal questore Fulvio della Rocca in vista del corteo di oggi. Si tratta due uomini e una donna per i quali e' stato disposto il foglio di via obbligatorio)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il sabato antagonista di Roma: "Siamo 70mila": il racconto della giornata minuto per minuto

Today è in caricamento