rotate-mobile
Lunedì, 23 Maggio 2022
Il caso

Il figlio del capitano della Moby Prince: "Facciamo luce: Renzi apra gli archivi"

Dopo Ustica, passeggeri e familiari delle vittime del disastro della Moby Prince chiedono al premier di accedere ai documenti chiusi negli archivi di Stato. L'appello sul web

Una petizione on-line per chiedere di desecretare il materiale ancora rinchiuso negli archivi di Stato sul disastro Moby Prince e la costituzione di una commissione d'inchiesta. Perché il 10 aprile 1991, quando nei pressi del porto di Livorno il traghetto entrò in collisione con la petroliera Agip Abruzzo, morirono 140 persone e ancora non si sa chi siano i colpevoli.

L'appello è stato lanciato da Luchino Chessa, figlio del comandante della Moby Prince, che in quel disastro perse padre e madre. Lui si rivolge direttamente al premier Matteo Renzi, che qualche tempo fa ha autorizzato la desecretazione dei documenti sulla strage di Ustica.

A poche ore dalla pubblicazione sul sito Change.org, erano già oltre 6mila le firme raccolte e il ritmo è serrato: decine di utenti ogni minuto stanno continuando a sostenere telematicamente la causa di Chessa, di passeggeri e familiari delle vittime del disastro.


Non è la prima volta che Chessa si appella alle istituzioni per spingerle a rendere pubblici i documenti che possono contribuire alla ricostruzione storica della sciagura. Un processo e due inchieste non hanno ancora risposto a tutti i quesiti. I familiari delle vittime hanno anche consegnato un dossier a vari gruppi parlamentari e ai ministri della Giustizia Annamaria Cancellieri e Andrea Orlando. Ma ancora sul caso non c'è neppure una commissione d'inchiesta, altra richiesta di Chessa nella petizione.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il figlio del capitano della Moby Prince: "Facciamo luce: Renzi apra gli archivi"

Today è in caricamento