Domenica, 9 Maggio 2021
CRONACA

Vola la disoccupazione giovanile: 39,1%

I dati dell'Istat: tra gli under 25 ci sono 642 mila ragazzi alla ricerca di un lavoro. Su tutte le fasce d’età il dato è al 12,1%

ROMA - Crisi, crisi nera. Crisi che ancora una volta si riflette nella nuova rilevazione dell'Istat sul tasso di disoccupazione giovanile (fascia d'età 15-24 anni). Quest'ultimo a giugno sale al 39,1%, in crescita di 0,8 punti percentuali su maggio e di 4,6 punti su base annua.

Tra gli under 25, aggiunge l'Istituto di statistica, ci sono 642 mila ragazzi alla ricerca di un lavoro. Rappresentano il 10,7% della popolazione nella fascia d’età 15-24 anni. Per quanto riguarda il dato generale, invece, calcolato su tutte le fasce d'età, la disoccupazione a giugno si ferma al 12,1%, con un piccolo passo indietro su maggio, in calo di 0,1 punti percentuali, anche se resta in aumento su base annua, con un rialzo di 1,2 punti.

IN ITALIA UN GIOVANE SU DUE E' PRECARIO

LA CRISI? LONTANA DAI BANCHI DI MONTECITORIO

Con giugno la disoccupazione varca la soglia del 12% per la terza volta consecutiva. A giugno gli occupati diminuiscono dello 0,1% rispetto a maggio, con 21 mila persone in meno a lavoro, e dell’1,8% su base annua, con 414 mila occupati in meno. Il tasso di occupazione, pari al 55,8%, risulta, guadando alle serie trimestrali, ai minimi dal terzo trimestre del 2000. A giugno l’occupazione maschile aumenta dello 0,1% in termini congiunturali ma diminuisce del 2,5% su base annua. L’occupazione femminile cala dello 0,3% rispetto al mese precedente e dello 0,8% nei dodici mesi.

SCHIAVI MODERNI: IN NERO IN UN CALL CENTER A 350 EURO AL MESE

Il tasso di occupazione maschile, pari al 64,9%, aumenta di 0,1 punti percentuali rispetto al mese precedente ma diminuisce di 1,7 punti su base annua. Quello femminile, pari al 46,9%, diminuisce di 0,1 punti in termini congiunturali e di 0,3 punti rispetto a dodici mesi prima. Rispetto al mese precedente la disoccupazione cala dello 0,3% per la componente maschile e dell’1,9% per quella femminile. In termini tendenziali la disoccupazione cresce sia per gli uomini (+13,2%) sia per le donne (+8,5%).

TRE MILIONI DI LAVORATORI IN NERO IN ITALIA

Il tasso di disoccupazione maschile, pari all’11,5%, rimane invariato rispetto al mese precedente e aumenta di 1,4 punti percentuali nei dodici mesi; quello femminile, pari al 12,9%, diminuisce di 0,2 punti rispetto al mese precedente, mentre aumenta di 1,0 punti su base annua. Il numero di inattivi cresce nel confronto congiunturale per effetto dell’aumento della componente femminile (+0,5%), mentre diminuisce quella maschile (-0,2%). Su base annua si osserva un calo dell’inattività tra le donne (-0,7%) e una crescita tra gli uomini (+2,3%).  

Continua a leggere su Today.it

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vola la disoccupazione giovanile: 39,1%

Today è in caricamento