Lunedì, 15 Luglio 2024
Crisi economica

Crisi senza fine: "Più di centomila posti di lavoro a rischio per il 2013"

A lanciare l'allarme è il rapporto Cisl sull'industria: "Altri 123 mila posti di lavoro a rischio". Previsioni ancora al ribasso per Pil, livelli di occupazione e consumi famiglie. Preoccupato Raffaele Bonanni: "E' il 2 giugno, ma c'è poco da festeggiare"

"L'Italia è una Repubblica democratica fondata sul lavoro". Almeno questo è quanto sostiene l'articolo 1 della Costituzione italiana. Proprio oggi, però, il giorno in cui l'Italia celebra la Festa della Repubblica, il segretario Cisl Raffaele Bonanni lancia l'allarme: "Rischiamo di diventare una Repubblica fondata sul non lavoro". E i numeri, presentati dal rapporto Cisl sull'industria, danno pienamente ragione al sindacalista. 

"L'Italia, nel periodo che va dal 2008 al 2013, ha perso 674 mila posti di lavoro, il 2,4% di occupazione, il 6% di Pil, il 4,3& di consumi famiglie e il 20% degli investimenti" si legge nel dossier. Un bagno di sangue insomma. E per il futuro non si vedono spiragli di luce. "Altri 123 mila posti di lavoro a rischio nel 2013" sentenzia il rapporto che descrive quella che sembra ormai una crisi senza fine. 

Amaro il commento di Raffale Bonanni: "Oggi è il 2 giugno, una ricorrenza importante. Ma c'è poco da festeggiare. Occorre uno choc fiscale, un provvedimento straordinario per dimezzare le tasse, fare ripartire la nostra economia, sollevare i salari ed i consumi" ha spiegato. L'unica strada per uscire dalla crisi è mettere in campo "l'impegno di tutti e il massimo della coesione nazionale". Coesione necessaria anche fra governo e sindacati perché "occorre incentivare fiscalmente la creazione di nuovi posti di lavoro. Sarà questa la richiesta - ha concluso il segretario Cisl - che faremo al governo nel corso del nostro Congresso e nella manifestazione unitaria che abbiamo programmato il 22 giugno a Roma". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crisi senza fine: "Più di centomila posti di lavoro a rischio per il 2013"
Today è in caricamento