Yara, il Dna di Ignoto 1 è "sicuramente" quello di Massimo Bossetti

Le motivazioni della sentenza di condanna all'ergastolo per il muratore di Mapello nel processo sull'uccisione della ragazzina

"La probabilità di individuare un altro soggetto con lo stesso profilo genotipico", evidenzia la Corte, equivale a "un soggetto ogni 3.700 miliardi di miliardi di miliardi di individui". La Cassazione ha rilevato la piena coincidenza tra il profilo genetico catalogato come "Ignoto 1", rinvenuto sugli slip di Yara Gambirasio, e quello di Massimo Bossetti, come si legge nelle motivazioni della sentenza di condanna all'ergastolo per l'imputato nel processo sull'uccisione della ragazzina. L'evidenza scientifica, frutto di "numerose e varie analisi biologiche effettuate da diversi laboratori", ha "valore di prova piena".

Il carpentiere di Mapello, in carcere dal giugno 2014, è stato condannato all'ergastolo per l'omicidio della ragazzina di Brembate Sopra. Nel documento depositato nel pomeriggio del 23 novembre, la Cassazione risponde ai venti motivi di ricorso della difesa, che sollevava diverse obiezioni, contestando la prova del Dna, la "catena di custodia" e i kit utilizzati. La Corte biasima i "reiterati tentativi di mistificazione degli elementi di fatto, amplificati da improprie pubbliche sintetizzazioni".

Yara, perché Bossetti è stato condannato

I giudici di merito - si legge nella sentenza - "hanno correttamente affermato che il profilo genetico è stato confermato da ben 24 marcatori, evidenziando a maggiore tutela dell'imputato che la certezza dell'identificazione è particolarmente solida", in quanto le linee guida scientifiche individuano un soggetto "con l'identità di soli 15 marcatori".

Tra complotto e contaminazione volontaria: cosa risponde la Cassazione

I giudici della prima sezione penale della Corte di Cassazione respingono come fantasiose e complottiste le versioni avanzate dalla difesa dell'imputato che parlavano di contaminazione volontaria. Rispondendo all'obiezione sulla catena di custodia, la Corte afferma che il Dna di Bossetti "non era presente nelle banche dati all'epoca disponibili e che sono state ampiamente e ripetutamente consultate proprio allo scopo di identificare "Ignoto 1", sicché è impossibile ipotizzare una contaminazione dei reperti prelevati all'inizio del 2011 con il profilo dell'imputato che è stato acquisito soltanto tre anni dopo". Quanto alla richiesta della difesa di una perizia, i giudici spiegano che vi si ricorre in caso di "evidenza dell'utilizzo di una metodica errata o superata e dell'esistenza di un metodo più recente e più affidabile. Nulla di tutto questo emerge dagli atti".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nelle motivazioni, la Cassazione ha quindi escluso categoricamente l'ipotesi di un complotto: "Visto che la difesa ha utilizzato l'argomento anche in sede extra processuale, è bene chiarire che la genericissima ipotesi della creazione in laboratorio del Dna dell'imputato, oltre ad appartenere alla schiera delle idee fantasiose prive di qualsiasi supporto scientifico e aggancio con la realtà, è manifestamente illogica". "Se si volesse seguire la tesi complottista legata anche alla necessità di dare in pasto all'opinione pubblica un responsabile è evidente che - ammessa solo per ipotesi la reale possibilità di creare in laboratorio un Dna - si sarebbe creato un profilo che immediatamente poteva identificare l'autore del reato senza attendere, come invece è accaduto, ben tre anni", si legge ancora. Così come è "fantasiosa l'ipotesi di una contaminazione volontaria da parte di terzi prima del ritrovamento del corpo della vittima".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lele Mora senza filtri: "Alberto Matano e il suo amico speciale. Garko? Fui io a fargli vincere concorsi, poi lo portai da Tarallo"

  • Verso un nuovo Dpcm entro domenica 25 ottobre

  • Il Dpcm 25 ottobre chiude l'Italia alle 18 ma...

  • Estrazioni Lotto e numeri SuperEnalotto di giovedì 22 ottobre: numeri vincenti e quote

  • Estrazioni Lotto e numeri SuperEnalotto di oggi sabato 24 ottobre: numeri vincenti e quote

  • Chi è Roberto Zappulla, marito di Maria Teresa Ruta

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Today è in caricamento