rotate-mobile
Mercoledì, 28 Settembre 2022
Cronaca Reggio Calabria

Hanno arrestato Domenico Crea: le immagini della cattura in camera da letto

La polizia lo ha scovato in una villa di Santa Domenica di Ricadi, in provincia di Vibo Valentia. Era latitante dal 2015

Finisce la latitanza di Domenico Crea. L'uomo, 37 anni, è stato arrestato dagli uomini della squadra mobile di Reggio Calabria, supportati dal Servizio servizio centrale operativo della Direzione centrale anticrimine e della squadra mobile di Vibo Valentia. Crea, considerato dagli investigatori a capo della cosca di Rizziconi, imparentata con la potente famiglia Alvaro di Sinopoli, era latitante dal 2015, quando venne colpito da una misura cautelare per associazione mafiosa, estorsione ed altro dopo la sentenza di condanna in primo grado a 15 anni di reclusione emessa dal Tribunale di Palmi.

Da lì in poi ha subìto numerosi provvedimenti restrittivi per gli stessi reati, venendo successivamente condannato definitivamente il 4 aprile 2019 a 21 anni di carcere. Le indagini per la cattura del latitante, inserito nell'elenco dei più pericolosi dal ministero dell'Interno, è stata avviata dalla Mobile oltre tre anni fa, con la collaborazione del Servizio Centrale Operativo e sotto la direzione della Direzione distrettuale antimafia di Reggio Calabria e intensificata subito dopo la cattura del fratello di Giuseppe, avvenuta il 29 gennaio 2016, in seguito alla quale Domenico Crea ha assunto il ruolo di capo indiscusso della consorteria criminale di Rizziconi.

Le immagini della cattura di Domenico Crea

Nella serata di ieri, dopo alcuni servizi di osservazione, si è avuta la certezza della presenza del latitante all’interno di una villetta in Santa Domenica di Ricadi (in provincia di Vibo Valentia) dove questa mattina è stato arrestato. Il latitante era in compagnia della moglie e delle due figlie minori ed è stato trovato in possesso di 5.000 euro in contanti. Al vaglio la posizione di due coniugi proprietari dell’immobile messo a disposizione della famiglia del latitante.

Dopo la cattura del latitante, il ministro dell'Interno Matteo Salvini ha commentato con un post su Facebook l'arresto del boss Domenico Crea e l'operazione contro gli affiliati alla cosca Cordì: "Polizia e carabinieri alla grande contro la ‘ndrangheta, arrestato l’ultimo latitante importante rimasto in Calabria e altri sette criminali per estorsioni tramite incendi, minacce e violenza: la giornata comincia molto bene!".

domenico crea ansa-2

La polizia ha arrestato il latitante Domenico Crea, 37 anni. Foto Ansa/Ufficio stampa polizia

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Hanno arrestato Domenico Crea: le immagini della cattura in camera da letto

Today è in caricamento