rotate-mobile
Lunedì, 4 Marzo 2024
Caso archiviato / Milano

Si arrampica sul duomo per un selfie, il giudice: "Nessun reato"

L'uomo, un 33enne polacco, era finito a processo insieme a un amico

Dall'impalcatura al duomo, e da lì alla Madonnina. Tutto per scattare un selfie con il simbolo di Milano. Un uomo di 33 anni, un cittadino polacco senza nessun precedente in Italia, era stato denunciato per procurato allarme dopo aver scalato, letteralmente, la cattedrale del capoluogo lombardo, nella serata del 30 maggio scorso. Ma per il gip di Milano Guido Salvini, che in queste ore ha chiesto l'archiviazione, non c'è reato. 

Il climber polacco era finito a processo insieme ad un suo amico, un 31enne irlandese, che si trovava in vacanza a Milano con lui e aveva sostenuto la sua impresa da piazza Duomo. Ai due era stato confiscato lo smartphone con cui l'ascesa era stata immortalata. Per entrambi, difesi dall'avvocata Giulia Cupido, il giudice ha disposto l'archiviazione "perché il fatto non costituisce reato", nonostante la "chiara la sconsideratezza della condotta dei due giovani, che ha suscitato timori e anche costretto le forze dell'ordine a mobilitarsi". La richiesta d'intervento alla polizia era arrivata da un passante che aveva notato qualcuno camminare tra le guglie del duomo, in quel momento chiaramente chiuso.

Per raggiungere la Madonnina, il 33enne era salito su un ponteggio che si trovava dal lato della Rinascente. "Ci si trova di fronte certamente ad un episodio di buildering (o meglio di 'night climbing' essendosi verificato in ora pressoché notturna) - si legge in una nota del gip - e cioè la pratica che comporta l'arrampicarsi all'esterno di edifici o altre strutture artificiali urbane, spesso accompagnata dalla documentazione fotografica o video di quanto avvenuto".

Ma oltre a quello di procurato allarme, non sono ravvisabili, fa notare ancora il giudice, nemmeno i reati di danneggiamento, perché non vi furono danni, o di invasione di edifici.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si arrampica sul duomo per un selfie, il giudice: "Nessun reato"

Today è in caricamento