rotate-mobile
Lunedì, 15 Aprile 2024
Duplice omicidio / Verona

Marito e moglie uccisi in casa: fermato il figlio

Giampaolo Turazza e Vilma Vezzaro sono stati trovati senza vita nella loro abitazione di Via Aquileia, nel quartiere di Borgo Roma, nel tardo pomeriggio del 25 aprile. Le indagini sono solo all'inizio

Pochi dubbi sin dal primo momento: duplice omicidio, non omicidio-suicidio. La morte risalirebbe alla sera di due giorni fa, 24 aprile, anche se i corpi senza vita sono stati trovati soltanto nel tardo pomeriggio di ieri, 25 aprile. A Verona un uomo e una donna, Giampaolo Turazza e Vilma Vezzaro, marito e moglie di 75 e 73 anni, sono morti nella loro abitazione di Via Aquileia, nel quartiere di Borgo Roma, nella quale vivevano da molti anni.

Per ore risultava irrintracciabile Osvaldo Turazza, il figlio 55enne della coppia di anziani, i quali sarebbero stati uccisi a coltellate dentro casa. La polizia ha raccolto le prime testimonianze e sin dai primi riscontri non emergevano elementi per ipotizzare che uno dei due coniugi avesse commesso il delitto per poi compiere un gesto estremo. Non era, insomma, un omicidio-suicidio.

C'è massimo riserbo sulle indagini, concentratesi presto sul figlio. L'uomo si sarebbe presentato ieri sera alla guardia di finanza, che successivamente avrebbe avvisato la polizia: dopo essere stato portato in questura, sarebbe stato fermato. Le indagini sono affidate alla polizia che è intervenuta sul luogo del delitto con gli investigatori della squadra mobile e i tecnici della scientifica per tutti i rilievi del caso.

Giampaolo Turazza e Vilma Vezzaro sarebbero stati accoltellati alla gola: il padre a letto, la madre in corridoio. Le indagini sono in una fase iniziale. La dinamica del delitto è in fase di ricostruzione, ma il caso sembra già giunto a una prima svolta.

Continua a leggere su Today.it

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Marito e moglie uccisi in casa: fermato il figlio

Today è in caricamento