Giovedì, 15 Aprile 2021

Massimo ed Elisa, dagli ultimi avvistamenti al giallo del bunker: cosa sappiamo finora

I due amici sono scomparsi da cinque giorni. Si indaga per sequestro di persona. Secondo alcuni conoscenti lui parlava spesso di una sorta di rifugio che stava costruendo del bosco. Finora però le ricerche non hanno dato nessun esito

Gli uomini impegnati nelle ricerche

Che fine hanno fatto Massimo Sebastiani ed Elisa Pomarelli? Anche il quarto giorno di ricerche non ha portato a nulla. I due amici, lui di 45 anni, lei di 28, sono scomparsi domenica 25 agosto nel Piacentino. La giovane è stata vista per l’ultima volta insieme a Sebastiani intorno all’ora di pranzo in un ristorante di Carpaneto Piacentino, lui invece è stato avvistato più volte anche da solo dopo la scomparsa della donna. Prima in una stazione di servizio dove si era fermato per fare benzina, poi, nel primo pomeriggio, a casa di un amico a Sariano e in un bar di Celleri di Carpaneto (dove sarebbe stato visto cambiarsi i vestiti bagnati).

La sosta al distributore: "Andava di fretta"

Le telecamere del distributore lo hanno immortalato alle 14.47 mentre faceva rifornimento (in basso il video). Arrivava da Carpaneto mentre la trattoria dove aveva pranzato con Elisa è dalla parte opposta, in direzione Castellarquato. Dov’era stato poco prima? Al distributore è arrivato quasi insieme al titolare della stazione di servizio. "Sembrava che non vedesse l’ora di terminare il rifornimento dell’auto, continuava a guardare la pompa della benzina, forse era di fretta". Il benzinaio conosceva abbastanza bene di vista Massimo, suo cliente da diversi anni, così gli ha chiesto cosa ci facesse in giro a quell’ora con il caldo piuttosto intenso. "Volevo andare a fare un giro su in collina da queste parti con la mia ragazza ma non è voluta venire. Sa come sono le donne..." avrebbe detto Sebastiani. L'uomo ha impiegato due minuti per rifornire la sua auto poi è ripartito, sempre in direzione Carpaneto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'ultimo avvistamento intorno a mezzanotte

A ora di cena Sebastiani si sarebbe incontrato con un’altra donna, più grande di lui a Vigostano. Infine, intorno a mezzanotte, è stato visto a piedi sulla strada per Gropparello: indossava una felpa e aveva uno zaino in spalla. A notarlo è stato una conoscente in auto che gli ha "sfanalalato" per salutarlo, poi il nulla.

Il giallo di Massimo ed Elisa: scomparsi nel nulla da cinque giorni

Dove stava andando? E dov'era in quel lasso temporale Elisa Pomarelli? Per cercare una soluzione al giallo, i carabinieri stanno lavorando proprio sull’ultimo avvistamento. Sono un centinaio le persone impegnate nelle ricerche. Ieri è stato passato al setaccio tutto il territorio tra Sariano, Gropparello, Carpaneto, Ciriano: i luoghi dove i due sono stati visti. Due giorni fa la Procura ha aperto un fascicolo per sequestro di persona.

Il giallo del bunker

Stando alle indiscrezioni emerse nelle ultime ore, gli inquirenti non escludono che i due possano trovarsi in una sorta di "bunker" costruito proprio dal Sebastiani. Secondo quanto riferito da più persone - spiega IlPiacenza - Massimo parlava spesso di questo rifugio che stava costruendo nei boschi. Dove? Non l'ha mai detto. Le competenze per costruirlo di certo non gli mancavano: quando non lavorava come tornitore, l'uomo passava ore nei boschi a tagliare la legna e a fare piccoli lavori anche nell'azienda agricola di famiglia a Castellarquato, tanto che davanti alla sua abitazione di Campogrande, posta sotto sequestro, stava costruendo una specie di casetta in legno con le sue mani. Del bunker però non è stata trovata traccia.

Elisa e Massimo passavano ore insieme. Si erano conosciuti per il lavoro di lei (assicuratrice) e di lì avevano cominciato a frequentarsi: ad unirli la passione per la natura e la campagna. Massimo forse si era infatuato della donna, ma lei lo vedeva sempre come un amico. 

Gli amici della ragazza non si danno pace

Le ricerche continuano. Prima di sparire nel nulla Sebastiani ha lasciato davanti casa la sua Hond Civic. Con sé non ha portato neppure il cellulare. Il telefonino della ragazza invece risulta spento dal giorno della scomparsa:  non l'avrebbe mai fatto, confermano gli zii di Elisa. Intanto gli amici della 28enne hanno riunito una cinquantina di persone tra alpinisti e cacciatori per aiutare nelle ricerche. "Ogni elicottero, ogni volante, ogni sirena, ogni notizia nuova è una fucilata al cuore” scrive su facebook Francesca, una delle due sorelle di Elisa. “Ormai sono totalmente dissociata da questa realtà, che spero soltanto, domani di svegliarmi e venire a casa a pranzo e dire 'Cavoli Eli.. ho fatto un sogno bruttissimo...’". 

Le ricerche dall'alto di Elisa Pomarelli e Massimo Sebastiani

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Continua a leggere su Today.it

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Massimo ed Elisa, dagli ultimi avvistamenti al giallo del bunker: cosa sappiamo finora

Today è in caricamento