rotate-mobile
Giovedì, 20 Gennaio 2022
Una catastrofe / Agrigento

Esplosione a Ravanusa, le ultime notizie

Sul tragico evento la procura di Agrigento, guidata da Luigi Patronaggio, ha aperto un'inchiesta per disastro colposo

Proseguono senza sosta le ricerche dei dispersi a Ravanusa, nell'Agrigentino, dopo la forte esplosione causata da una fuga di gas che ieri sera ha provocato il crollo di una palazzina di quattro piani in via Galilei e il danneggiamento di numerosi edifici limitrofi. Il bilancio al momento è di sei dispersi e tre morti: Pietro Carmina, 68 anni, docente di storia e filosofia dell'istituto Foscolo di Canicattì; Maria Crescenza "Enza" Zagarrio, 69 anni; e Calogera Gioachina "Liliana" Minacori, 59 anni.

Due donne sono state estratte vive dalle macerie: Rosa Carmina, che vive al primo piano, e la cognata Giuseppa Montana: entrambe sono state trasportate negli ospedali di Licata e Agrigento e non sono in gravi condizioni.

Figurano tra i dispersi Selene Pagliarello, incinta di nove mesi, e il marito Giuseppe Carmina che ieri sera erano a cena al terzo piano dell'edificio, a casa dei suoceri, Angelo Carmina - attualmente disperso - e Maria Crescenza Zagarrio, detta Enza, che come detto, è stata trovata senza vita. 

Tra i dispersi figurano anche il giovane Giuseppe Carmina e il padre Calogero Carmina che viveva al quarto piano insieme alla moglie Gioacchina Minacori, come detto trovata senza vita.  

Nell'altra casa distrutta abitavano Pietro Carmina, che è morto, e Carmela Scibetta, che è dispersa.

Ravanusa, un testimone: "Odore di gas nei giorni prima dell'esplosione, noi vivi per miracolo"

Ora si affollano le domande sul perché di una simile tragedia che ha visto una fuga di gas provocare il crollo di quattro palazzine e il danneggiamento di altre quattro. Cosa ha provocato la rottura della tubatura del metano? La rete di distribuzione del gas, installata nel 1984, era a norma? La manutenzione ordinaria e straordinaria è stata fatta? Come e da chi? E a quando risalgono gli ultimi interventi? C'erano state perdite segnalate nelle settimane scorse sulle quali non si è intervenuto? Sarà la procura di Agrigento, guidata da Luigi Patronaggio, a dover trovare le prime risposte.

Mentre le ricerche dei dispersi sono ancora in corso la procura ha aperto un'inchiesta per disastro e omicidio colposo e nei prossimi giorni acquisirà tutta la documentazione relativa alla rete di distribuzione del gas, al sequestro dell'area interessata dall'esplosione - al momento 10mila metri quadrati, ma lo stesso procuratore ha detto che potrebbe diventare più ampia - e, con ogni probabilità, all'iscrizione nel registro degli indagati dei primi nomi di tecnici e amministratori che a vario titolo possano avere responsabilità in merito alla rete del gas, anche per dare loro la possibilità di partecipare a tutti gli accertamenti irripetibili.

L'Italgas ha fatto sapere di aver controllato le condutture appena dieci giorni fa e di non aver riscontrato alcuna anomalia. E nessuna anomalia sarebbe stata segnalata dai cittadini secondo i carabinieri. 

La tragedia è avvenuta ieri sera poco dopo le 20.30. Secondo le primissime ricostruzioni l'esplosione, accompagnata da un forte boato, sarebbe stata causata da una perdita di gas nel metanodotto e innescata forse da un ascensore. Le prime squadre dei Vigili del Fuoco arrivate sul posto per spegnere i diversi incendi hanno riscontrato, infatti, una grossa perdita di metano che avrebbe saturato il sottosuolo. L'esplosione - il cui innesco è ancora ambito di indagine - ha provocato una serie di fessurazioni nel terreno e anche nei palazzi; spazi nei quali il gas si è infilato, compresa la rete fognaria, dando vita ai diversi incendi che sono andati avanti per ore.

Il boato squarcia il buio: le immagini dell’esplosione di Ravanusa

Chi sono le vittime dell'esplosione a Ravanusa 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Esplosione a Ravanusa, le ultime notizie

Today è in caricamento