rotate-mobile
Venerdì, 21 Gennaio 2022
CRONACA / Roma

Evasione fiscale, Bulgari nei guai

La Guardia di finanza di Roma ha confiscato beni per 46 milioni, tra cui un prestigioso immobile in via Condotti. Paolo e Nicola Bulgari sono indagati con l'accusa di dichiarazione fraudolenta

ROMA - La guardia di finanza di Roma ha sequestrato beni immobili e disponibilità finanziarie del valore complessivo di oltre 46 milioni di euro ai vertici del gruppo Bulgari.

Per tutti l'accusa è di dichiarazione fraudolenta per aver nascosto al Fisco, dal 2006 in avanti, circa tre miliardi di euro di ricavi, attraverso l'interposizione di società con sede in Olanda e Irlanda, create al solo scopo di evadere le tasse in Italia.

I sequestri riguardano Paolo e Nicola Bulgari (indagati con l'accusa di dichiarazione fraudolenta), già azionisti qualificati e soci storici del gruppo, Francesco Trapani (anch'egli indagato), già rappresentante legale della capogruppo italiana, e Maurizio Valentini (indagato), attuale rappresentante legale della capogruppo italiana.

Tra i beni confiscati figurano, oltre a rapporti bancari, assicurazioni sulla vita e partecipazioni societarie, anche numerosi immobili, tra cui il prestigioso immobile di via dei Condotti, nel centro di Roma.

LE INDAGINI - Le indagini, scaturite da una serie di verifiche fiscali del Nucleo polizia tributaria di Roma, hanno portato alla luce una vera e propria "escape strategy" – così definita dagli stessi dirigenti del gruppo in un documento di nove fogli rinvenuto dalle Fiamme gialle – per fuggire dal sistema di imposizione italiano e, in particolare, dalla più stringente normativa introdotta, a partire dal 1 gennaio 2006, con riferimento alla tassazione dei dividendi provenienti da Paesi a fiscalità privilegiata.

In questo modo le società del gruppo Bulgari avrebbero omesso di dichiarare in Italia ricavi per quasi tre miliardi di euro nel periodo 2006-2011, nonché una base imponibile Irap di oltre un miliardo e novecento milioni di euro. I dividendi sottratti indebitamente a tassazione nello stesso periodo ammontano invece ad oltre 293 milioni di euro, cui corrisponde un'imposta evasa in Italia da parte della capogruppo Bulgari di oltre 46 milioni di euro.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Evasione fiscale, Bulgari nei guai

Today è in caricamento