La madre al boss evaso: "Scappa, tuo fratello è morto per te"

Parla Antonella, la madre di Domenico Cutrì, il boss evaso dopo un blitz al tribunale di Gallarate: "Mimmo non ti costituire. Tuo fratello si è sacrificato per te, altrimenti è morto per niente"

MILANO - Un figlio lo ha visto morire. Un altro è in fuga, chissà dove. Un altro è da amici, forse, ma di certo non è a casa. E' rimasta solo Laura, l'unica figlia femmina: spaventata, terrorizzata. Non ha quasi più nessuno con sè Antonella, la madre di Domenico Cutrì, il boss ergastolano evaso dopo un sanguinoso blitz al tribunale di Gallarate. Con lei è rimasto soltanto Mario, il marito: arrivato di fretta e furia dalla Calabria. 

E' sola ma forte Antonella. Tanto "forte" da chiedere a Mimmo di "non arrendersi" per non rendere vano il sacrificio del fratello. Lo dice chiaro e tondo al Corriere della Sera la madre del boss evaso: "Mimmo ascoltami. Non ti costituire. Tuo fratello si è sacrificato per te. Non ti consegnare, Mimmo. Scappa, scappa Mimmo - ripete ossessivamente - Altrimenti Nino è morto per niente". 

Una morte, quella di Antonino Cutrò, alla quale mamma Antonella ha assistito. Hanno citofonato alla sua casa di Inveruno, le hanno ordinato di scendere e di guidare verso l'ospedale. Ma Nino all'ospedale è arrivato morto. "Nemmeno mi fanno vedere il cadavere - dice commosso Mario Cutrì, il padre - gli hanno piantato un proiettile alle spalle, a tradimento, ne sono sicuro. Lui - ricostruisce l'uomo - ha usato lo spray. Nino non ha sparato. Avesse voluto li avrebbe ammazzati tutti quanti".

D'altronde Nino era davvero pronto a tutto pur di liberare suo fratello Mimmo. "Era pazzo di lui - racconta Antonella - erano come gemelli. Aveva frequentato addirittura un corso da elicotterista". Tutto per far scappare suo fratello, in carcere - secondo il padre - quasi ingiustamente. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"L'hanno accusato d'essere il mandante dell'omicidio di un tizio che faceva apprezzamenti a una sua amica - ricorda il signor Mario - Ora, chi ha sparato è fuori, libero. Comunque l'obiettivo non era uccidere ma inviare un avvertimento. Ho chiesto al giudice se avesse figli. L’ergastolo è uguale alla sedia elettrica. Ventidue, ventisei anni di galera li accetti. Hai la prospettiva che uscirai, e combatti, come contro una malattia grave che forse si può curare". Una "malattia" che ora, dopo l'evasione e la morte di un fratello, è molto più difficile curare. (da MilanoToday)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Angelica Donati, figlia di Milly Carlucci, ottiene una carica istituzionale da record

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di sabato 1 agosto 2020

  • Giro d'Italia 2020, tutte le tappe: altimetria, calendario e percorso

  • Elezioni regionali 2020: tutti gli ultimi sondaggi e le ultime notizie

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di martedì 4 agosto 2020

  • Uomini e Donne, l'ex tronista Ludovica Valli: "Sto male, analisi costanti ma mi fido dei medici"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Today è in caricamento