Domenica, 1 Agosto 2021
Cronaca Matera

Ex direttore di banca arrestato per truffa e autoriciclaggio: più di 1 mln di euro presi dai conti correnti

L'indagine è partita da una verifica dello stesso istituto di credito in cui erano emerse delle anomalie. Vittime numerosi risparmiatori, spesso anziani o comunque correntisti con minori conoscenze di norme bancarie

Un ex direttore di banca è stato arrestato in provincia di Matera perché accusato di aver truffato almeno dodici correntisti con finte operazione di investimento, soprattutto su polizze assicurative, appropriandosi in tutto di ben 1.260.000 euro. Soldi che poi, secondo l'accusa, erano stati reinvestiti per le proprie finalità dall'uomo, a capo di una filiale della Banca Popolare di Puglia e Basilicata di Irsina dove ha lavorato per circa vent'anni.

L'ex direttore di banca è stato portato in carcere e deve rispondere di truffa aggravata, appropriazione indebita, autoriciclaggio e trasferimento fraudolento di valori.

Arrestato ex direttore di banca per truffa e autoriciclaggio: le indagini

L'indagine è partita da una verifica dello stesso istituto di credito in cui erano emerse delle anomalie. L'operazione, in cui sono stati impegnati oltre cinquanta tra carabinieri e guardia di finanza, ha portato anche al sequestro di un noto ristorante nei Sassi di Matera, di due immobili situati a Irsina, di un'autovettura e di tutti i conti correnti, dossier titoli e cassette di sicurezza riconducibili all'indagato.

Particolarmente laboriosa è stata la ricostruzione di tutte le operazioni effettuate nel tempo e a danno di numerosi risparmiatori, spesso anziani o comunque correntisti con minori conoscenze di norme bancarie.

"L’attività di malversazione da parte del dipendente in questione è emersa a seguito accertamenti ispettivi disposti dalla banca. La Banca, previe contestazioni di rito, lo ha licenziato per giusta causa nel mese di dicembre 2017. Il licenziamento non è stato impugnato dall’interessato. La Banca lo ha denunciato penalmente richiedendo anche il risarcimento dei danni. Tutti i clienti sono stati ristorati ad eccezione di tre posizioni per importi esigui in quanto non è stata fornita la documentazione probatoria a supporto; ragione per cui sono ancora in fase di istruttoria", ha precisato in una nota Banca Popolare di Puglia e Basilicata.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ex direttore di banca arrestato per truffa e autoriciclaggio: più di 1 mln di euro presi dai conti correnti

Today è in caricamento