Giovedì, 15 Aprile 2021
Cronaca

Italia, il Paese del femminicidio

I numeri diffusi dal Viminale sull'attività delle forze di polizia non lasciano dubbi: il 30% delle vittime di omicidi è donna. Dall'entrata in vigore della legge sullo stalking, 38142 denunce: nel 77% dei casi a denunciare sono le donne

Cinquecentocinque omicidi in un anno. Il bersaglio preferito, il 30% delle volte: una donna. Dall'entrata in vigore della legge sullo stalking, 38142 denunce, di cui 9116 presentato dal primo agosto del 2012 al 31 luglio del 2013. A denunciare nel 77% dei casi sono donne. Numeri impietosi, che fanno quasi paura, quelli del dossier del Viminale sull'attività delle forze dell'ordine presentato dal ministero dell'Interno Angelino Alfano, durante la "classica" conferenza di Ferragosto. Numeri che, se ancora ce ne fosse stato bisogno, dipingono la strage di donne in atto in Italia. 

Gli ultimi casi | A cena con l'ex: trovata morta nella sua auto - Uccide la moglie, poi il suicidio: tutto davanti al figlio di quattro anni

Non solo femminicdio, però. Perché anche i "dati mafiosi" certo non fanno sorridere. Nell'ultimo anno i mafiosi arrestati sono stati 1.697 rispetto ai 2.041 dello scorso anno, mentre ammontano a 9.569 i beni sequestrati alla criminalità organizzata, di cui 705 aziende per un valore di 3,145 miliardi di euro (nel 2012 erano stati 4,124 i miliardi confiscati). 

Arrestato Domenico U' Profissuri, era nella lista dei latitanti più pericolosi 

Non si ferma la caccia ai grandi latitanti: 78 quelli finiti in cella (erano 82 nel 2012) di cui 8 di massima pericolosità (18 l'anno scorso). 151, invece, sono state le operazioni di polizia giudiziaria (169 nel 2012). 25 i Comuni sciolti per mafia, di cui 12 attualmente in corso (22 lo scorso anno). Le confische sono state 4.066 (a fronte delle 3.218 dell'anno scorso), di cui 203 aziende per il valore di 2,180 miliardi di euro. La Sicilia è stata la prima regione nella quale è stato effettuato il più alto numero di sequestri. Seguono Campania, Calabria, Puglia, Lazio ed Emilia Romagna.

Emergenza sbarchi | Reggio Calabria: 160 migranti su un veliero - Catania: sei migranti morti, i corpi sulla spiaggia

Quanto al fenomeno dell'immigrazione, tragicamente attuale, dal primo agosto 2012 al 10 agosto scorso sono sbarcati sulle coste italiane 24.277 immigrati. Un terzo di loro, 8.932 migranti, è arrivato in Italia in quaranta giorni, dal primo luglio al 10 agosto scorso. Nonostante anche qui, ancora una volta, i numeri facciano paura, Alfano prova a mostrarsi sereno: "Non è un emergenza ingestibile - ha chiarito - Abbiamo saputo coniugare il dovere di accoglienza con il diritto alla sicurezza".

Continua a leggere su Today.it

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Italia, il Paese del femminicidio

Today è in caricamento