rotate-mobile
Martedì, 25 Gennaio 2022

Riina junior parla delle stragi del 1992: "La decisione fu: abbattiamoli"

Le intercettazioni pubblicate su Repubblica.it, a pochi giorni dalla discussa partecipazione del figlio del "capo dei capi" nel programma di Rai Uno "Porta a Porta"

"Ci mettono ancora i fiori a 'stu cosu". Queste le parole il figlio di Totò Riina, Salvatore Giuseppe, commentando il monumento in ricordo del giudice Giovanni Falcone nei pressi dello svincolo di Capaci dell'autostrada A29, dove fu ucciso da Cosa Nostra il 23 maggio 1992. E' quanto emerge in un'intercettazione telefonica risalente al 2001.

Appena pochi giorni fa, tra molte polemiche, Salvo Riina era stato ospite di Bruno Vespa a "Porta a Porta", dove aveva ribadito: "Ho rispetto sempre per i morti, tutti".

Durante la sua partecipazione al programma di Rai Uno, Riina junior aveva negato di sapere qualcosa sulla stagione delle bombe di Cosa Nostra ma le intercettazione diffuse da Repubblica.it mostrano una verità ben diversa.

Mentre era in macchina proprio nel tratto di strada dove saltò in aria il giudice Falcone, Salvo Riina parla con un amico delle stragi e dice: "Un colonnello deve pigliare una decisioine. E la decisione fu quella: abbattiamoli".  Il figlio del 'capo dei capi' chiama suo padre "il colonnello". "Altro che il ritratto del tranquillo signore che ha proposto a 'Porta a Porta'", dice Salvo Palazzolo di Repubblica

"Nel '92 a maggio ci fu sta strage, a luglio l'altra (quella del 19 luglio, in cui morì il giudice Paolo Borsellino, ndr). E poi giustamente a gennaio a mio padre l'arrestarono", dice Salvo Riina. L'interlocutore risponde: "E quindi chi è da fuori dice: sbagliarono". Quindi la replica: "Bravo, invece non è vero. Perché noi le corna le facevamo a tutti i compagni e dirgli: 'qua in Sicilia ci siamo noi'. Forse da là sopra in poi ci siete voi ma 'ca semu nuatri'".

Fonte: La Repubblica →
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Riina junior parla delle stragi del 1992: "La decisione fu: abbattiamoli"

Today è in caricamento