rotate-mobile
Martedì, 18 Gennaio 2022
Economia

Fisco "distratto": in dodici anni perde più di 500 miliardi di euro

Dal 2000 al 2012 gli uffici delle Entrate hanno emesso ruoli per 807,7 miliardi ma la somma riscossa si ferma a soli 69,1 miliardi. Calcolando il carico sgravato, nelle casse dello Stato mancano 545,5 miliardi

Attento nell'accorgersi delle mancate entrate, molto meno preciso ad ottenerle. E' questa la fotografia del Fisco italiano scattata dal ministero dell'Economia che ha consegnato alla commissione Finanza gli ultimi dati sulla lotta all'evasione. La Commissione infatti, è impegnata sul fronte della riforma fiscale e ha voluto visionare i dati che testimoniano lo stato abbastanza preoccupante del Fisco. 

Dal 2000 al 2012, infatti, gli uffici delle Entrate hanno emesso ruoli per 807,7 miliardi di euro, ma la somma effettivamente riscossa si ferma a soli 69,1 miliardi. Calcolando il carico sgravato, 193,1 miliardi di euro, l'Erario ha ancora un buco di 545,5 miliardi, 107,2 dei quali fanno riferimento a soggetti in stato di fallimento e quindi non saranno mai riscossi. 

Dalle tabelle depositate dal ministero Economia e Finanze, il dato che emerge con chiarezza è uno: raramente le somme sottratte all'evasione si trasformano in denaro fresco per le casse dello Stato. E questo accade perchè il Fisco non è in grado di riscuotere le somme, come ammesso da Luigio Casero, viceministro all'Economia: "con riferimento ai residui attivi al 31 dicembre 2012 inoltrati dalla Ragioneria Generale, ha comunicato una percentuale di abbattimento pari all'82%"

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fisco "distratto": in dodici anni perde più di 500 miliardi di euro

Today è in caricamento