rotate-mobile
Venerdì, 3 Febbraio 2023
La tragedia / Napoli

Frana a Ischia, 4 bambini tra i dispersi: ecco chi si sta cercando ancora

Ricerche in corso anche con i sub: si pensa che qualche corpo possa essere stato trascinato fino al mare dalla forza del fango. Oggi il Consiglio dei ministri per la dichiarazione dello stato d'emergenza

Resta di una vittima, 11 dispersi, 4 feriti e 167 sfollati il bilancio riferito questa mattina dal prefetto di Napoli, Claudio Palomba, al termine della riunione del centro di coordinamento dei soccorsi che si è svolta in prefettura per fare il punto sulla situazione a Casamicciola, sull'isola di Ischia, colpita da una gigantesca frana nella prima mattinata di ieri, sabato 26 novembre. Le abitazioni coinvolte dalla frana dovrebbero essere 15. I dispersi dovrebbero essere i componenti di due famiglie, una di cinque persone con tre bambini e un'altra di tre con un neonato. Mancano all'appello anche un uomo, una donna straniera e un'anziana.

Chi sono i dispersi dopo la frana a Casamicciola

Tra i dispersi, sette persone abitavano in via Celario, sotto il monte Epomeo, a Casamicciola Terme, piccolo comune di Ischia dove ieri alle 5 si è staccato un costone e un fiume di fango, pietre e detriti ha travolto case e auto. Non si hanno tracce di Nina, una donna bulgara che era sull'isola da due giorni e di un suo amico, anch'egli bulgaro. È ancora isolata e nella lista una donna di 93 anni la cui casa è circondata da almeno tre metri di fango. I vigili non riescono ad arrivarci, così come non riesce ad intervenire l'elicottero.

Questa mattina a Ischia c'è ancora un forte vento, ma il cielo è limpido. Per tutta la notte i vigili del fuoco hanno lavorato con carabinieri, polizia e Protezione civile, servendosi di generatori elettrici, per cercare di scavare nel fango che però è ancora denso. Non si è solidificato e questo provoca molte difficoltà anche ai cani molecolari, che purtroppo affondano e non riescono a rilevare la presenza di persone. Al porto ci sono i sommozzatori che scandagliano ogni centimetro delle acque. Si pensa che qualche corpo possa essere stato trascinato fino al mare dalla forza del fango.

Eleonora Sirabella morta nella frana di Ischia: aveva 31 anni, il marito è disperso

La prima vittima identificata, deceduta dopo l'alluvione sull'isola, è Eleonora Sirabella, 31 anni. L'identificazione è avvenuta sabato sera, e la notizia è stata ufficializzata da parte delle forze dell'ordine. Eleonora Sirabella avrebbe compiuto 32 anni il 4 gennaio prossimo. Viveva in un'abitazione nella zona alta di Casamicciola Terme, in uno dei punti maggiormente colpiti dalla tragedia. Il marito Salvatore Impagliazzo, un marinaio del posto, è ancora disperso. La loro casa è stata travolta dal fango: il corpo di Eleonora sarebbe stato trascinato per un centinaio di metri, fino a piazza Maio, dove poi è stato ritrovato. Nata a Casamicciola, lavorava come commessa in un negozio di abbigliamento e sognava di sposarsi con l'attuale compagno.

La frana a Casamicciola - Foto Ansa

Dopo una notte di intenso lavoro, i soccorritori continuano a cercare tra detriti e macerie. L'isola è ferita, con persone sparite sotto il fiume di fango che ha inghiottito anche vicoli, auto, giardini e cortili. La speranza è di trovarle ancora vive. I sommozzatori dei vigili del fuoco impegnati nelle ricerche dei dispersi a Ischia stanno iniziando le immersioni nella zona del porto per ispezionare le auto trascinate in mare dalla frana.

Lo stato di emergenza a Ischia e Casamicciola

Domenica mattina il capo del dipartimento della Protezione civile Fabrizio Curcio si è recato a Ischia per un sopralluogo nella zona maggiormente colpita dalla frana. "Si sta lavorando per ottimizzare le numerose risorse che sono arrivate a Ischia. Si tratta di razionalizzarle per continuare nella ricerca dei dispersi, e si sta procedendo casa per casa e in mare", ha spiegato al Tg1. "Oggi il Consiglio dei ministri dichiarerà lo stato di emergenza, poi firmerò la prima ordinanza - ha aggiunto Curcio -. La macchina è pienamente operativa. Abbiamo 140 vigili del fuoco e poi tanti altri operatori. Tutto il sistema è attivato con specialità e volontari".

I primi soccorsi dopo la frana a Casamicciola - Ansa

Si lavorerà anche nei prossimi giorni con priorità alla ricerca dei dispersi e all'accoglienza degli sfollati e poi si procederà alla creazione della struttura commissariale, ha spiegato ancora. Quello della tragedia annunciata, però, sottolinea Curcio, "è un discorso che vale per tutta l'Italia. Il paese è fragile, è un dato di fatto. C'è da chiedersi cosa si fa, cosa facciamo tutti durante la non emergenza, quando poi le agende sono altre".
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Frana a Ischia, 4 bambini tra i dispersi: ecco chi si sta cercando ancora

Today è in caricamento