Mercoledì, 17 Luglio 2024
Ipotesi femminicidio / Cagliari

Dove si cerca il cadavere di Francesca Deidda

La 42enne è scomparsa da maggio da San Sperate, nell'hinterland cagliaritano. Gli inquirenti ritengono che sia stata uccisa dal marito Igor Sollai, autotrasportatore 43enne, arrestato con le accuse di omicidio volontario aggravato e occultamento di cadavere

Si cercano tracce di Francesca Deidda, la 42enne scomparsa da maggio da San Sperate, nel sud Sardegna, nel vasto hinterland cagliaritano. Gli inquirenti ritengono che sia stata uccisa dal marito Igor Sollai, autotrasportatore 43enne, arrestato con le accuse di omicidio volontario aggravato e occultamento di cadavere: è in carcere a Uta.

All'allontanamento volontario della donna i parenti mai hanno creduto, nemmeno per un istante. Il fratello aveva denunciato già a maggio la scomparsa ai carabinieri. Il marito sosteneva che si fosse presa un "periodo di riflessione". Per gli investigatori Sollai avrebbe ucciso la moglie, poi avrebbe nascosto il cadavere e per settimane si sarebbe sostituito a lei, rispondendo con il suo telefonino ai messaggi. Con una mail aveva pure annunciato il suo licenziamento. Lo smartphone non è stato trovato.

Dove si concentrano le ricerche

Militari dell'Arma, vigili del fuoco, soccorso alpino, volontari, Protezione civile, Corpo forestale hanno attivato un imponente piano di ricerche. Poco dopo l'alba i carabinieri della Compagnia di Iglesias, i Cacciatori di Sardegna, i tecnici e gli operatori del soccorso alpino, le squadre dei vigili del fuoco e poi la Protezione civile, i volontari e il Corpo forestale si sono incontrati lungo la statale 125 a Quartucciu per pianificare un rastrellamento ad ampio raggio.

Le ricerche si concentrano in una zona agganciata nelle settimane passate dal cellulare di lei: la zona è quella tra Sinnai e San Vito verso il Ponte Romano. Si cerca qualsiasi oggetto che possa ricondurre a Francesca Deidda. Si cerca ovviamente anche il cadavere. Potrebbe essere stato occultato in una delle tante cavità, grotte, fossi e anfratti del territorio.

"Trovati effetti personali"

A mezza mattinata, la prima svolta. Elementi riconducibili a Francesca Deidda sono stati trovati. Sarebbero indumenti ed effetti personali. L'area è stata transennata, si attendono i Ris di Cagliari per i rilievi.

Igor Sollai "è molto provato", secondo i suoi legali, e ripete di essere "estraneo alla vicenda". Si è avvalso della facoltà di non rispondere durante il primo interrogatorio. L'ombra dell'ennesimo femminicidio si allunga sempre di più sul sud dell'isola dei quattro mori. La famiglia di Francesca Deidda si appella all'uomo, affinché dia informazioni utili alle indagini.

francesca deidda facebook

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dove si cerca il cadavere di Francesca Deidda
Today è in caricamento