I fratelli Bianchi nelle celle protette di Rebibbia: "Rischiano il linciaggio"

Si trovano nel braccio G9, quello che gli altri chiamano "degli infami" perché è lì che vengono inseriti coloro che sono accusati di reati sessuali o i poliziotti arrestati: troppo pericoloso condividere gli spazi comuni

Nella foto: Marco e Gabriele Bianchi

Marco e Gabriele Bianchi, accusati dell'omicidio di Willy Monteiro a Colleferro, sono stati trasferiti dalle celle anti-Covid a quelle di isolamento precauzionale a Rebibbia. Erano stati loro a chiederlo perché i legali dei tre presunti assassini di Willy Monteiro avrebbero infatti chiesto al giudice di tutelare l’incolumità dei loro assistiti e tenere conto delle circostanze dell’arresto e dei rischi connessi ad eventuali ritorsioni nei loro confronti da parte di altri reclusi.

Nei giorni scorsi, racconta oggi il Messaggero, sono stati esauditi. Si trovano nel braccio G9 al primo piano del carcere romano, quello che gli altri reclusi chiamano "degli infami" perché è lì che vengono inseriti coloro che si sono macchiati (o sono semplicemente accusati) di reati sessuali o i poliziotti arrestati: troppo pericoloso condividere gli spazi comuni. 

Perché il temperamento irascibile e violento dei due fratelli di Artena, accusati con Mario Pincarelli e Francesco Belleggia (l'unico ai domiciliari) dell'omicidio di Willy Monteiro Duarte, si sarebbe fatto riconoscere anche in questi primi giorni reclusione. Tanto che la figlia di un detenuto marocchino ha scritto all'associazione "Detenuti liberi" protestando per il trattamento ricevuto dal padre mentre i Bianchi raggiungevano i parlatori attraverso il corridoio: "Lo hanno aggredito".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Scintille, insulti, mani che volano, lo scambio, comunque, viene arginato sul nascere. La direzione carceraria era già stata messa sul chi-va-là dai legali dei due fratelli, preoccupati per possibili ritorsioni nei confronti dei loro assistiti per nulla ben accolti dagli altri "inquilini" di Rebibbia: rischiano il linciaggio. E anche il garante per i detenuti del Lazio, Stefano Anastasia, aveva avuto modo di evidenziare la problematicità. Lui stesso conferma che "i due giovani reclusi sono stati effettivamente trasferiti nel G9, sotto stretta sorveglianza".

Gabriele e Marco Bianchi: "Ma in carcere possiamo bere solo acqua?"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giro d'Italia 2020, tutte le tappe: altimetria, calendario e percorso

  • Verso il coprifuoco alle 22 in tutta Italia

  • Raimondo Todaro: "Con Elisa Isoardi sempre più uniti, ma in ospedale con me c’era la mia ex moglie"

  • Verso un nuovo Dpcm entro domenica 25 ottobre

  • Dpcm 18 ottobre: le nuove misure della stretta in arrivo oggi

  • Fa la spia perché il vicino non rispetta la regola dei 6 in casa e finisce malissimo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Today è in caricamento