Giovedì, 6 Maggio 2021

I fratelli Bianchi chiedono l'isolamento in carcere: "Hanno paura"

Il pestaggio-omicidio del 21enne Willy Monteiro Duarte potrebbe apparire un gesto vigliacco e odioso che nelle legge non scritta del carcere è assimilato alla violenza perpetrata ai danni di donne e bambini

Gabriele e Marco Bianchi accusati dell'omicidio di Willy Monteiro

I fratelli Gabriele e Marco Bianchi, insieme a Mario Pincarelli ormai da una settimana in isolamento a Rebibbia secondo la normativa anti-Covid, potrebbero vedere prolungato il proprio confinamento anche allo scadere della quarantena sanitaria disposta per tutti i nuovi ingressi in carcere. I legali dei tre presunti assassini di Willy Monteiro avrebbero infatti chiesto al giudice di tutelare l’incolumità dei loro assistiti e tenere conto delle circostanze dell’arresto e dei rischi connessi ad eventuali ritorsioni nei loro confronti da parte di altri reclusi.

Il pestaggio-omicidio del 21enne Willy Monteiro Duarte potrebbe infatti apparire un gesto vigliacco e odioso che nelle legge non scritta del carcere potrebbe essere assimilato a quelli perpetrati ai danni di donne e bambini.

"Una macchia nel curriculum anche del peggior criminale" si legge su il Messaggero che riporta la richiesta degli avvocati dei fratelli Bianchi. I profili social degli indagati per la morte di Willy, così come quelli dei familiari, sono da giorni inondati di minacce e frasi d’odio

Il garante per i detenuti del Lazio, Stefano Anastasia ha spiegato al quotidiano romano che si dovrà valutare una adeguata forma di isolamento cautelativo per impedire che gli arrestati  possano essere oggetto di attenzioni per così dire sgradite all’interno del carcere.

"Volevano ucciderlo": ora i picchiatori di Willy Monteiro rischiano l'ergastolo 

Continua a leggere su Today.it

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I fratelli Bianchi chiedono l'isolamento in carcere: "Hanno paura"

Today è in caricamento