rotate-mobile
Martedì, 31 Gennaio 2023
La tragedia / Milano

Zio e nipote trovati morti in casa: uccisi dal monossido

A dare l'allarme è stata la moglie dell'uomo, che trovato i due svenuti sul pavimento. I soccorsi sono stati inutili

Tragedia familiare a Rho, in provincia di Milano. Zio e nipote, entrambi egiziani di 43 e 17 anni, sono stati trovati morti in casa. La macabra scoperta giovedì. A ucciderli, con ogni probabilità, è stata una fuga di monossido di carbonio. 

Come racconta Carmine Ranieri Guarino su MilanoToday, zio e nipote sono stati trovati in un appartamento in ristrutturazione, al primo piano del palazzo al civico 15 di via Ticino. A dare l'allarme è stata la moglie dell'uomo, che è andata in via Ticino e ha trovato i due svenuti sul pavimento. Nella stanza accanto a quella in cui soo stati trovati i corpi, c'era un braciere acceso. Questo lascia pensare che a ucciderli sia stato il monossido di carbonio. 

Inutile l'intervento dei medici del 118, che hanno solo potuto constatare il decesso dei due. I rilievi del caso sono stati effettuati dai vigili del fuoco e dagli agenti del commissariato.  

A inizio novembre una tragedia simile. Un ragazzo di 24 anni - Francesco Mazzacane - era morto nel residence Linate di Novegro proprio a causa di una fuga di monossido. Il suo compagno di stanza - il 21enne Pietro Caputo, inizialmente scambiato per la vittima - era invece stato ricoverato in gravi condizioni. Entrambi napoletani, erano arrivati a Milano per lavoro. 

Solo mercoledì sera una mamma e i suoi due bambini sono rimasti intossicati da una fuga di monossido di carbonio, sempre a Rho, in un appartamento al 7 di via Grigna. La donna e i piccoli sono stati accompagnati al pronto soccorso del Niguarda in codice giallo, fortunatamente non in pericolo di vita.

Tutte le notizie su Today.it

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Zio e nipote trovati morti in casa: uccisi dal monossido

Today è in caricamento