rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Nazismo / Roma

Priebke, la minaccia del legale: "Funerali in chiesa o li faremo in strada"

Marino: "Ogni azione per impedire la sepoltura dell'ex Ss a Roma". La comunità ebraica plaude all'iniziativa del sindaco. L'avvocato Giachini: "Chi è stato portato con la forza a Roma ha diritto ad essere sepolto qui"

ROMA - “Per quanto mi riguarda compirò ogni azione per impedire la sepoltura di Erich Priebke a Roma”. La bufera attorno alla sepoltura dell’ex generale delle S.S. non si placa. Dopo il rifiuto del Vicariato di svolgere funerali in una chiesa del centro storico e della Prefettura di organizzare esequie solenni, arriva il no del sindaco di Roma alla sua sepoltura sul territorio comunale. 

“Sono in costante contatto con il Prefetto di Roma Giuseppe Pecoraro, a cui ho chiesto di verificare, con tutti gli strumenti a nostra disposizione, la possibilità di negare la sepoltura di Erich Priebke nel territorio comunale, per ragioni di sicurezza e ordine pubblico oltre che di opportunità” ha scritto in un comunicato. “In queste ore è la stessa città, oltre alla mia coscienza, che con messaggi, appelli e lettere, mi chiede a gran voce una posizione netta e inequivocabile in tal senso”.

Una posizione che contrasta però con la normativa vigente che non consente di rifiutare la sepoltura di chi muore in un determinato territorio. Come ha spiegato lo stesso primo cittadino in un’intervista a SkyTg24 però “il sindaco però può rivolgersi, se ha preoccupazione per l'ordine pubblico, al prefetto e una ordinanza del prefetto vince su qualunque altra normativa” ha affermato. "Io credo - ha aggiunto - che il prefetto in queste ore stia valutando se accogliere la nostra richiesta di negare la sepoltura”.

Marino però non si dà per vinto: “Sono personalmente convinto che Roma, città medaglia della Resistenza, oltre che profondamente antifascista e antinazista, non possa accettare uno schiaffo alla sua storia e alla sua comunità cittadina, tanto profondamente toccate da episodi violenti e tragici commessi dallo stesso Priebke”.

TUTTI GLI AGGIORNAMENTI SUL CASO SU ROMA TODAY

IL LEGALE DI PRIEBKE - "Mi sembra che sia una polemica sterile. La legge prevede che chi è stato forzatamente portato a Roma ed è morto a Roma abbia diritto ad essere seppellito, tra l'altro non abbiamo ancora avanzato alcuna richiesta di sepoltura. Quando sarà fissato il giorno dei funerali, e cioè dopo che avremo ottenuto il certificato sulle cause della morte, non perderò tempo ma è ancora tutto da decidere". Queste le parole all'Adnkronos l'avvocato Paolo Giachini in merito alle dichiarazioni del sindaco di Roma Ignazio Marino sulla sepoltura di Erich Priebke. 

Nessuna retromarcia, invece, in merito alla celebrazione dei funerali in chiesa: "Se il Vicariato dovesse arrivare a vietare la chiesa, i funerali si possono celebrare anche in strada, siamo pronti a farli fuori dalla chiesa. Ne faccio una questione di libertà religiosa. Non mi risulta che i fedeli possano essere cacciati dalle chiese. Ci rivolgeremo alla curia o alla parrocchia di Priebke - ha proseguito il legale dell'ex ufficiale delle Ss - alcune chiese di tutta Italia ci hanno offerto i funerali ma credo che saranno comunque a Roma. Ribadisco che non abbiamo intenzione di celebrare una cerimonia politica ma lo faremo con riservatezza". 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Priebke, la minaccia del legale: "Funerali in chiesa o li faremo in strada"

Today è in caricamento