rotate-mobile
Venerdì, 21 Giugno 2024
Cronaca

Gino Paoli nega l'evasione fiscale

Il cantante si difende dalle accuse, e mentre l'avvocato assicura la totale estraneità anche Grillo chiede scusa

L'accusa a carico di Gino Paoli è di quelle pesanti. Evasione fiscale per aver portato illecitamente in Svizzera circa due milioni di euro, ma il cantante si difende.

"Chiariremo tutto. L'accusa è infondata" fa sapere l'avvocato di Paoli, Andrea Vernazza. "E' dispiaciuto per questa cosa, per l'immagine che ne esce fuori - ha detto ancora il legale - Ma lui non ha commesso alcun reato. Mi ha detto che voleva dimettersi dalla presidenza della Siae. Gli ho consigliato di sospendersi in attesa di chiarire tutto".

E a proposito della presidenza Siae, nei giorni scorsi la prima stoccata era arrivata dal Movimento 5 Stelle, che appena saputo dell'indagine ai danni di Gino Paoli, aveva chiesto a gran voce le sue dimissioni. Un passo indietro, però, lo fa adesso il leader del Movimento, Beppe Grillo, che come fa sapere sempre l'avvocato Vernazza, ha telefonato personalmente a Gino Paoli per scusarsi degli attacchi.

Le indagini intanto vanno avanti. Dopo la perquisizione della casa del cantante, dove non è stato portato via nulla, la Guardia di Finanza di Genova sembra abbia sequestrato alcuni documenti nella sede di tre società di Paoli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gino Paoli nega l'evasione fiscale

Today è in caricamento