rotate-mobile
Venerdì, 21 Gennaio 2022
Mafia

Gioacchino Gammino, il boss latitante scoperto in Spagna grazie a una foto su Google Maps

Il boss della Stidda era evaso vent’anni fa e si era rifugiato in una cittadina vicino Madrid. Il retroscena sulla sua cattura

Incastrato da una foto su Google Maps e da una ricerca su Facebook. Così la polizia italiana è riuscita a catturare in Spagna Gioacchino Gammino, boss agrigentino della Stidda latitante da più di vent'anni. Gammino, oggi 61 anni, è stato arrestato lo scorso 17 dicembre in Spagna, dove aveva trovato rifugio dopo essere evaso rocambolescamente nel 2002 dal carcere romano di Rebibbia mentre erano in corso le riprese di un film. Repubblica ha raccontato ora l'incredibile retroscena della sua cattura.

Gammino è stato rintracciato a Galapagar, vicino alla capitale Madrid, dove pensava di essere al sicuro, con una nuova identità e un lavoro da ristoratore e commerciante. Gli investigatori della Dia e i magistrati della procura di Palermo avevano già concentrato le loro attenzioni sulla Spagna, dove Gammino era scappato durante una sua prima latitanza.

Il boss è stato individuato su una foto Google Maps davanti al banco di un fruttivendolo. In quella foto si vedeva un uomo che somigliava chiaramente al latitante, in particolare per la cicatrice sulla parte sinistra del mento. "Il fotogramma ci ha aiutato a confermare l'indagine che stavamo svolgendo secondo le modalità tradizionali", ha detto alla Reuters Nicola Altiero, vicedirettore della Polizia italiana antimafia (DIA). Dal negozio di frutta e verdura gli inquirenti sono poi riusciti a risalire a un ristorante, chiuso nel 2014: sulla pagina Facebook del locale figurava la foto di uno degli chef, tale Manuel, che in realtà era proprio Gammino.

Il boss si trova attualmente sotto custodia in Spagna e dovrebbe rientrare in Italia entro la fine di febbraio. Gammino deve scontare una condanna all'ergastolo per omicidio: è considerato uno dei componenti del commando che il 29 agosto 1989 uccise per errore un passante a Campobello di Licata.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gioacchino Gammino, il boss latitante scoperto in Spagna grazie a una foto su Google Maps

Today è in caricamento