Giovedì, 21 Ottobre 2021
L'inchiesta / Salerno

Presunti appalti truccati: ai domiciliari consigliere regionale della Campania

Disposta la misura cautelare per Giovanni Savastano. Tra gli indagati ci sarebbe anche il sindaco di Salerno Vincenzo Napoli

C'è anche Giovanni Savastano, consigliere regionale campano ed ex assessore a Salerno, tra i destinatari di un'ordinanza applicativa di misure cautelari nell'ambito di un'inchiesta della Procura di Salerno su presunti appalti truccati. Sono in tutto 10 le misure cautelari eseguite, mentre gli indagati sono 29.

Nei confronti di Savastano, detto Nino, consigliere regionale del gruppo Campania Libera, sono stati disposti gli arresti domiciliari.Tra gli arrestati c'è Fiorenzo Zoccola, presidente di una cooperativa sociale, nonchè gestore, di fatto, di diverse altre cooperative che gestivano la manutenzione ordinaria e conservativa del patrimonio del Comune. Ai domiciliari è finito anche Luca Caselli, dirigente del settore ambiente. E' scattato, inoltre, il divieto di dimora a Salerno per gli imprenditori di fatto titolari delle cooperative.

Le accuse sono di associazione a delinquere finalizzata alla turbata libertà degli incanti inerenti all'aggiudicazione degli appalti. Nel caso di Savastano e Zoccola, anche di corruzione elettorale. 

Anche il sindaco di Salerno, Vincenzo Napoli, risulterebbe indagato nell'ambito dell'inchiesta della Procura di Salerno su presunti appalti truccati. Il primo cittadino, riconfermato alla guida della città lunedì scorso, sarebbe indagato per fatti risalenti alla precedente Amministrazione."In relazione all'indagine in corso - dichiara Napoli - esprimiamo piena fiducia nell'azione della Magistratura. Attendiamo sereni gli esiti dell'inchiesta, che ci auguriamo facciano rapidamente piena luce sui fatti contestati". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Presunti appalti truccati: ai domiciliari consigliere regionale della Campania

Today è in caricamento