rotate-mobile
Venerdì, 23 Febbraio 2024
Le indagini

Perché c'era un libro per bambini accanto al corpo di Giulia Cecchettin

Fa parte degli oggetti rinvenuti nei dintorni al luogo del suo ritrovamento, ma ne manca uno all'appello: il cellulare

Passano i giorni e aumentano i dettagli sul femminicidio di Giulia Cecchettin. Quando il 18 novembre gli investigatori hanno trovato il suo corpo in una zona montuosa vicino al lago di Barcis, in provincia di Pordenone, dopo essere stata uccisa, secondo le accuse, dal fidanzato Filippo Turetta, tra gli oggetti rinvenuti nei paraggi c'era anche un libro per bambini. Il libro, intitolato "Anche i mostri si lavano i denti" della disegnatrice Jessica Martinelli, è stato rintracciato vicino al corpo assieme ad altri oggetti della giovane, tra cui una scarpa nera.

Picchia moglie in strada vicino casa di Giulia Cecchettin: arrestato

Venti reperti ritrovati accanto al corpo ma non il cellulare

Il particolare è stato riportato da alcuni quotidiani e già nei giorni scorsi la trasmissione tv "Quarto grado" aveva raccontato che vicino al cadavere erano stati trovati alcuni reperti, una ventina in tutto, che Turetta avrebbe lasciato là, come un rotolo di sacchi di plastica, compatibili con quelli con cui il 22enne aveva coperto il cadavere, e fazzoletti sporchi di sangue. Il ritrovamento di un libro simile non è casuale: Cecchettin sognava infatti di fare proprio l'illustratrice per libri per l'infanzia, dopo la laurea in ingegneria biomedica.

Non è stato ritrovato, invece, il telefono della giovane. Cellulare che aggancio' come "ultimo dato disponibile", verso le 22.45 dell'11 novembre, una cella di Marghera, vicino al centro commerciale dove i due giovani avevano cenato. Da quel momento in poi sarebbe risultato spento (quello di Turetta ancora alle 23.29 agganciava la cella di Fossò, luogo della seconda fase della aggressione). Spento anche quando la studentessa, prossima alla laurea, fu aggredita la prima volta nel parcheggio a 150 metri da casa. Scena che un vicino vide in parte allertando il 112, senza riuscire, però, a segnalare il numero di targa dell'auto, tanto che non venne inviata alcuna pattuglia. 

Continua a leggere su Today.it...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Perché c'era un libro per bambini accanto al corpo di Giulia Cecchettin

Today è in caricamento