rotate-mobile
Lunedì, 20 Maggio 2024
Cronaca Rimini

Arrestato in Libia Giulio Lolli, il "pirata" delle truffe di Rimini Yacht: era latitante da 7 anni

L'imprenditore bolognese è ricercato dalla giustizia italiana per le truffe della Rimini Yacht

Fuga finita per Giulio Lolli, l'imprenditore bolognese latitante da sette anni in Libia e ricercato dalla giustizia italiana per le truffe della Rimini Yacht.

L'ex imprenditore nautico è stato arrestato dalle forze speciali di deterrenza "Rada", militari che dipendono dal Ministero dell'Interno libico. Lolli - detto "il pirata" - aveva passato un periodo in carcere in Libia ai tempi di Gheddafi ma era stato liberato dalle milizie ribelli alle quali si era unito per qualche tempo. 

L'arresto è avvenuto lo scorso 29 ottobre, ma la notizia è stata confermata solo ora dall'autorità giudiziaria libica. Secondo quanto scrive RiminiToday, l'arresto di Lolli non sarebbe connesso per i reati commessi in Italia ma non è da escludere la possibilità di un'estradizione che, fino ad oggi, è sempre stata negata.

Lolli si trova ora rinchiuso nel carcere di Tripoli. Su di lui pendono due mandati di cattura internazionale, emessi dalla Procura di Rimini, dove è accusato di associazione per delinquere finalizzata a truffa e estorsione. 

La società Rimini Yacht vendeva barche di lusso. Quando è fallita si è portata dietro un'inchiesta giudiziaria che ha visto coinvolti anche esponenti della Guardia di Finanza.

La notizia su RiminiToday
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arrestato in Libia Giulio Lolli, il "pirata" delle truffe di Rimini Yacht: era latitante da 7 anni

Today è in caricamento