rotate-mobile
Lunedì, 20 Maggio 2024
La vicenda / Rimini

Morte cerebrale dopo la lite in discoteca: fermato un buttafuori

Non ci sono più speranza per Giuseppe Tucci, il vigile del fuoco 34enne coinvolto in un parapiglia in un locale di Rimini nella notte tra sabato e domenica

Nel pomeriggio di domenica i medici dell'Infermi di Rimini hanno dichiarato la morte celebrare per Giuseppe Tucci, il vigile del fuoco 34enne originario di Foggia e in forza al distaccamento dell'aeroporto "Fellini", coinvolto in una lite in una discoteca della riviera romagnola, nel Riminese.

Non ci sono quindi più speranze per il ragazzo che, sempre domenica, è stato raggiunto dai famigliari arrivati dalla Puglia accolti dal capo squadra e dal comandante del 115 e accompagnati poi in ospedale per le incombenze del caso. Allo stesso tempo è stato posto in stato di fermo il buttafuori del Frontemare, la discoteca di viale principe di Piemonte a Miramare, che nella notte tra sabato e domenica avrebbe prima allontanato Tucci dal locale e poi lo avrebbe picchiato in strada. La ricostruzione di quanto avvenuto è ancora al vaglio degli inquirenti della Squadra Mobile, coordinati dal sostituto procuratore Davide Ercolani, che stanno acquisendo le testimonianze e visionando le immagini a circuito chiuso della zona.

Tucci, secondo quanto ricostruito, era arrivato al Frontemare con un amico e durante la serata aveva postato delle foto sul suo profilo Instagram. Diversa la versione dei gestori della discoteca che sosterrebbero come il 34enne fosse arrivato già alterato e, in preda ai fumi dell'alcol, avrebbe iniziato a infastidire alcune ragazze che si trovavano all'interno. Un comportamento, quello del vigile del fuoco, che avrebbe fatto scattare l'intervento del personale della sicurezza intorno alle 2 con il buttafuori che lo avrebbe fatto uscire da una porta di sicurezza che si affaccia su un vicolo che porta alla spiaggia. Al momento non è chiaro se Tucci abbia battuto la testa a terra a causa di uno spintone o un calcio, oppure sia stato colpito da un pugno al volto così forte da provocargli un trauma cranico fatale. Pare invece abbastanza certo che una volta al di fuori della discoteca, a fronteggiarsi siano stati solo in due, uno contro l'altro, il buttafuori e il vigile del fuoco. 

Rimasto a terra, a dare l'allarme è stato lo stesso personale del locale che ha fato intervenire il 118 coi sanitari che hanno trovato il 34enne già in condizioni disperate e alcuni testimoni hanno parlato di una emorragia dalla bocca anche se secondo le analisi delle ferite fatte dal personale medico Tucci non avrebbe presentato ferite lacero contuse in testa. Intubato sul posto, la corsa disperata al pronto soccorso dell'Infermi si è rivelata inutile per salvare il vigile del fuoco mentre in viale principe di Piemonte sono intervenuti gli inquirenti della Squadra Mobile.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morte cerebrale dopo la lite in discoteca: fermato un buttafuori

Today è in caricamento