rotate-mobile
Venerdì, 28 Gennaio 2022
Il caso / Firenze

Giornalista molestata in diretta: denunciato un secondo uomo

Avrebbe urtato Greta Beccaglia toccandola nelle parti intime

Denunciato dalla digos un secondo uomo per violenza sessuale sulla giornalista Greta Beccaglia durante una diretta dopo la partita tra Empoli e Fiorentina. 

Dopo il ristoratore marchigiano Andrea Serrani che ricevuto un Daspo per aver molestato l'inviata di Toscata Tv, anche un altro tifoso della fiorentina, un 48enne della provincia di Firenze, è ora accusato di aver urtato la giornalista subito dopo il primo episodio e averla toccata nelle parti intime. 

Come riferisce Firenzetoday, l’episodio già denunciato dalla giornalista si configura come un grave gesto a sfondo sessista e ha visto anche l’emissione di un daspo di due anni da parte del questore di Firenze. 

Video dalle stories della giornalista sportiva Greta Beccaglia 

La differenza fra molestie e violenza sessuale

Bene ricordare che la Corte di Cassazione Penale (sentenza 27042/2010) ha stabilito che qualsiasi atto che consiste in un contatto corporeo (anche se fugace ed estemporaneo) configura una violenza sessuale (art. 609 bis c.p.) se viene compiuto tra soggetto attivo e soggetto passivo del reato, o comunque in un coinvolgimento della sfera fisica di quest’ultimo "e pone quindi in pericolo la libera autodeterminazione della persona offesa nella sua sfera sessuale". Per questo il toccare volontariamente i glutei, ancorché sopra i vestiti, configura violenza sessuale e non la semplice molestia sessuale. La molestia (art. 660 c.p.) si configura invece in presenza di espressioni volgari a sfondo sessuale ovvero di atti di corteggiamento invasivo e insistito diversi dall’abuso sessuale.

E non basta dire di avere "toccato il sedere per scherzo": la sentenza 46218 della Corte di Cassazione Penale del 12 ottobre 2018 ha inoltre stabilito che "l'intrusione violenta nella sfera sessuale di un soggetto, anche se avvenuta "joci causa" (per scherzo) o con finalità di irrisione della vittima, travalica il mero atto di violenza privata e si qualifica come violenza sessuale.

Greta Beccaglia, ecco perché le scuse non bastano

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giornalista molestata in diretta: denunciato un secondo uomo

Today è in caricamento