Martedì, 27 Luglio 2021
Cronaca

Igor "il russo" è stato arrestato

L'arresto, riferiscono gli investigatori, è avvenuto in seguito a una sparatoria nella quale sono morti due militari e un civile. Il killer di Budrio era in fuga dal primo aprile

Igor "il russo" è stato arrestato. Il killer di Budrio in fuga da mesi è stato fermato in Spagna, durante un conflitto a fuoco con la Guardia Civil in cui due agenti e un civile sono rimasti uccisi, scrive El Pais

La notizia è stata rilanciata dal sito Wikilao e confermata dalla polizia italiana. Igor il russo, Norbert Feher, era in fuga dal primo aprile del 2017, quando aveva ucciso Davide Fabbri, titolare di una tabaccheria di Budrio.

Due agenti e un contadino uccisi nella sparatoria: chi sono le vittime

Già lo scorso 5 dicembre, Igor avrebbe fatto irruzione in un'azienda agricola spagnola ferendo due persone e scappando prima dell'arrivo della polizia. Questa notte intorno alle 2.30, il latitante è stato fermato a Cantavieja, un paese nei pressi di Saragozza. L'arresto è avvenuto al termine di una sparatoria nella quale sono morti due uomini della Guardia Civil e un civile.

Il serbo Norbert Feher, alias Igor Vlacavic, era ricercato in Italia e all'estero per gli omicidi del barista di Budrio Davide Fabbri e della guardia ecologica volontaria Valerio Verri e sospettato anche dell'uccisione del metronotte Salvatore Chianese. La Guardia Civil ha chiesto alla polizia italiana conferme sui dati dattiloscopici del fermato.

igor foto wikilao-2

"La Procura della Repubblica di Bologna, coordinando i Carabinieri del ROS e del Comando Provinciale di Bologna e Ferrara, aveva già da tempo avviato mirata attività rogatoriale in Spagna, avendo avuto riscontro a seguito delle indagini svolte della presenza del latitante", spiega la nota dei Carabinieri divulgata intorno alle 11 di questa mattina. "In questa prospettiva, oltre a specifiche attività in Serbia, Austria e Francia (grazie alla fruttuosa collaborazione ed alla grande disponibilità degli organi competenti) si erano svolti numerosi incontri di coordinamento con le autorità di polizia spagnole, sin dall’estate, anche con trasferte ed attività tecniche e dinamiche direttamente svolte sul territorio spagnolo, di concerto con gli organi di polizia spagnoli".

igor tweet-2

Dopo i riscontri arrivati dalla polizia serba, e la conseguente certezza scientifica che si tratti della persona ricercata, il Dna del killer è stato isolato sui reperti organici, fiutati dai cani molecolari nell'area 'rossa' tra le oasi di Molinella e Campotto dove 'Igor' aveva a disposizione vari giacigli. Le tracce rinvenute, almeno fino a metà maggio, corrispondono a quelle di Feher. Dopo metà maggio, però, il 'fuggitivo' diventa 'latitante'. Infatti non ci sarebbero più tracce organiche confrontabili, e questo ha costretto gli inquirenti a rivedere la strategia di indagine: non più massiccio dispiegamento di forze per rintracciare Feher 'al setaccio' in una zona vasta, ma un piccolo contingente - una 40ina di uomini - è rimasto sul teritorio, pronto a scattare davanti a nuove segnalazioni. Poi, oggi, l'arresto in Spagna, dopo una sparatoria in cui sono morte altre tre persone.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Igor "il russo" è stato arrestato

Today è in caricamento