Il camionista scampato al maxi incendio di Ancona: "Sei o sette esplosioni, potevo morire"

"Il cielo si è fatto arancione, ma sono rimasto nel parcheggio". Il racconto di Brahim, arrivato ieri sera da Terni per scaricare il suo tir nei capannoni della ex Tubimar. Ancora sconosciute le cause del rogo. E in città la nube nera fa più paura del coronavirus

Brahim, il camionista scampato all'incendio (Foto Anconatoday)

"Dovevo consegnare la merce in uno di quei capannoni e dormire sul camion proprio lì accanto. Non so cosa mi abbia salvato, forse sono solo stato fortunato, ma stanotte potevo morire". È ancora incredulo Brahim, camionista arrivato ieri sera da Terni per scaricare il suo tir in uno dei capannoni della ex Tubimar distrutti dal maxi-incendio che questa notte è scoppiato nella zona portuale di Ancona. Dal parcheggio dei mezzi pesanti ha visto con i suoi occhi l’inferno che si è scatenato poco dopo mezzanotte e mezzo. "Prima ho sentito tante esplosioni - ha raccontato a Gino Bove di AnconaToday -, addirittura sei o sette, poi il cielo si è fatto arancione e ho visto queste fiamme alte decine di metri". 

Paura? "No, qui nel parcheggio in tanti hanno messo in moto per andare via, ma io sono rimasto qui” dice Brahim. Il camion è fermo con la merce a bordo e Brahim mostra l’sms che ha inviato al suo capo proprio questa mattina: "Buongiorno, ho passato la notte a 100 metri dal capannone, all’interno c’è stata un’esplosione, finora sta bruciando tutto e penso che dentro non ci sia più nulla. Cosa devo fare?". Il pensiero del camionista, accertato che nessuno è rimasto ferito, è stato per chi ha subito danni materiali. "Posso solo dire che mi dispiace per loro". 

L'incendio divampato nella notte ad Ancona

L’incendio è divampato poco dopo la mezzanotte. Le fiamme avrebbero cominciato a devastare il maxi capannone dell’azienda Frittelli, coinvolgendo alcuni container presenti nella zona antistante il parcheggio. Dopo appena un’ora, intorno all’1, il rogo aveva fagocitato tutto il metallo della struttura per attecchire sul capannone adiacente, innescando un secondo incendio, le cui fiamme vive, alte decine di metri, hanno illuminato il porto a giorno.

Per ore i vigili del fuoco hanno gettato acqua sul fuoco, circondando tutta l’area per mettere in scacco il mostro di fuoco. Alla fine il rogo ha distrutto anche un terzo complesso con uffici e depositi per i materiali che ogni giorno transitano in entrata e in uscita dallo scalo dorico, allargandosi anche al deposito di Ancona merci. 

incendio porto ancona cause 3-2

Incendio nel porto di Ancona: chiuse scuole e parchi

Non ci sono per fortuna né vittime né feriti. Ai cittadini è stato chiesto di tenere chiuse le finestre. Per precauzione  l'amministrazione comunale ha subito deciso dunque la chiusura delle scuole di ogni ordine e grado e delle sedi universitarie per oggi. Resteranno chiusi anche parchi e impianti sportivi. 

Incendio Ancona: "Gli operatori escludono la presenza di materiale tossico"

Secondo l’Autorità Portuale di Ancona, nell’area dell’incendio "non risultano essere presenti" come invece qualcuno aveva ipotizzato in un primo momento. "Gli operatori ci dicono che non ci sono merci pericolose" spiega all’Adnkronos l'Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Centrale. Sono comunque in corso, fa sapere l'Autorità, i monitoraggi dell'Arpa Marche, iniziati già questa notte con centraline in città e una centralina mobile. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le cause del rogo

Il caso è finito sul tavolo della Procura che aprirà un fascicolo per incendio. Al momento non è esclusa nessuna ipotesi, nemmeno quella accidentale. Per capire le cause del rogo - riferisce l’ANSA - si attende che le fiamme siano totalmente spente anche nella parte interna della struttura, dove sono rimasti gli ultimi focolai. Solo dopo i vigili del fuoco potranno fare una prima valutazione e capire da dove abbia avuto origine l'incendio e perché. Secondo le prime ipotesi a causare l'incendio potrebbe essere stato un corto circuito in un capannone. Ma l’Autorità Portuale frena spiegando che "si tratta al momento solo di supposizioni. Le operazioni sono in corso e i Vigili del Fuoco non si sono ancora sbilanciati".

La nube sprigionata dal rogo fa più paura del coronavirus

Intanto ad Ancona continua a cadere fuliggine dal cielo, mentre la nube nera che cambia continuamente direzione non accenna ad affievolirsi con il passare delle ore. 

"Sarà tossica?" si chiede la gente, preoccupata. Molti si sono barricati in casa, racconta AnconaToday, con le finestre sigillate, come suggerito dal Comune. In giro, la maggior parte delle persone indossa la mascherina: la nube potenzialmente dannosa fa più paura del Covid. Questa mattina diversi commercianti hanno preferito restare chiusi, per poi riaprire nel corso della giornata, una volta cessata l'emergenza, anche se la maggior parte degli esercenti ha scelto di lavorare regolarmente. 

Serrande abbassate soprattutto agli Archi, il quartiere più esposto ai fumi del rogo. "Rimarremo chiusi a causa delle nubi tossiche", c’è scritto in un cartello esposto fuori dalla parrucchieria Lanterna Rossa. Anche Raffaella Longino, arrivata alle 6 nel bar che gestisce insieme al compagno Fernando Andreanelli sotto i portici, aveva pensato di tornarsene a casa, per precauzione. "L’aria era irrespirabile, c’erano pompieri e polizia dappertutto - racconta -. Le auto, le sedie e i tavoli erano grigi per la cenere che si era depositata. Davvero sembrava che stesse nevicando".

Focolai attivi e crolli: dentro il cuore dell'incendio | Video

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gf Vip, De Blanck: "Alba Parietti una stronza". Il figlio dà ragione e lei chiama in diretta

  • Estrazioni Lotto e SuperEnalotto di oggi sabato 19 settembre 2020: numeri e quote

  • Estrazioni Lotto e SuperEnalotto di oggi giovedì 17 settembre 2020: numeri e quote

  • Polemica a Tale e Quale, Carmen Russo nei panni di Stefania Rotolo ma la figlia non apprezza

  • Il cittadino insospettabile che masturbava ragazzini in cambio di scarpe e spinelli

  • Estrazioni Lotto e SuperEnalotto di martedì 22 settembre 2020: numeri e quote

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Today è in caricamento