rotate-mobile
Lunedì, 24 Giugno 2024
LONDRA / Regno Unito

Incendio Londra: "Nessuna speranza di trovare Gloria e Marco ancora vivi"

L'ultima telefonata alla mamma: "Grazie di tutto". Parla l'avvocato della giovane padovana che, con il fidanzato, risulta tra i dispersi nel rogo della Grenfell Tower

"Ho sentito la registrazione della telefonata di Gloria alla mamma. Le dice grazie per quello che ha fatto per lei". A parlare è l'avvocato Maria Cristina Sandrin, legale della famiglia di Gloria Trevisan, la 27enne di Camposampiero che con il fidanzato Marco Gottardi si era trasferita a Londra alcuni mesi fa e che ora risulta iscritta nella lista dei dispersi dell'incendio divampato alla Grenfell Tower, grattacielo residenziale di 24 piani e 120 appartamenti nella zona di North Kensington.

"Si stavano dando un addio. Non ci sono motivi per sperare che Gloria e Marco siamo ancora vivi", ha affermato l'avvocato, precisando che la ragazza "si era laureata il 18 ottobre ed è andata a Londra perché qui non ci sono possibilità professionali neanche per chi si laurea con 110". Il legale ha anche precisato che Gloria si era trasferita all'estero anche per aiutare la famiglia, che sta attraversando una particolare situazione economica. 

La famiglia è stremata dal dolore. Il padre della giovane, Loris Trevisan, ha usato parole di rabbia contro un paese, l'Italia, "che costringe i nostri giovani ad andare all'estero. Gloria e Marco si erano appena sistemati". Il fratello di Gloria, invece, è arrivato a Londra alla ricerca di notizie. In mattinata, secondo quanto riferito dall'avvocato Sandrin, le ricerche erano arrivate al 20esimo piano; i due giovani veneti (Marco è di San Stino di Livenza, in provincia di Venezia), abitavano al 23esimo.
 

Appena poche settimane prima dell'incendio, Gloria aveva pubblicato su Instagram uno scatto della vista "meravigliosa" che si vedeva dalla Grenfell Tower. 

gloria trevisan-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incendio Londra: "Nessuna speranza di trovare Gloria e Marco ancora vivi"

Today è in caricamento