Sabato, 18 Settembre 2021
Cosa sappiamo

Incendio a Milano: il sistema antincendio non ha funzionato?

Secondo fonti investigative nei piani superiori le bocchette si sarebbero attivate solo in parte. A dare l'allarme è stato un inquilino del 16piano

Vigili del Fuoco ancora al lavoro il giorno dopo l'incendio che ha divorato un palazzo di via Antonini a Milano, 30 agosto 2021. ANSA / PAOLO SALMOIRAGO

I sistemi antincendio del palazzo di via Antonini a Milano non avrebbero funzionato correttamente. Almeno non in tutte le parti dello stabile distrutto ieri da un incendio. Le bocchette antincendio, secondo quanto si apprende da fonti investigative, si sono attivate correttamente fino al quinto piano del palazzo, non hanno funzionato dal quinto al decimo piano e hanno funzionato in parte nei piani superiori. Nei due piani interrati, invece, gli erogatori si sono azionati per spegnere le fiamme. Le scale del palazzo hanno invece permesso alle persone di evacuare il palazzo in sicurezza, perché costruite nel rispetto delle norme antincendio e antifumo.

Di che materiale era la facciata della torre distrutta dall'incendio a Milano

Ora gli inquirenti vogliono capire cos'è andato storto. La facciata di torre dei Moro "era composta di Alucobond, un materiale costituito da lamiere di alluminio", ha spiegato lunedì l'amministratore dello stabile, Augusto Bononi, presente sul posto per verificare con i suoi occhi i danni all'edificio di sessanta metri, ridotto ormai a uno scheletro. Dal progetto di torre dei Moro, inaugurata una decina di anni fa, si legge che "trattandosi di un edificio di notevole altezza con una particolare criticità nei riguardi della protezione da un incendio esterno alla facciata, per l'isolamento a cappotto è stato scelto un materiale isolante incombustibile come la lana di vetro al posto del materiale isolante plastico comunemente utilizzato in questa applicazione, Eps".

La facciata era invece in Alucobond, un materiale che dovrebbe essere ignifugo o comunque resistente alle fiamme. Che però si è infiammato. Secondo le prime ipotesi, l'incendio si sarebbe rapidamente propagato a tutto l'edificio a causa del così detto 'effetto camino', generato dallo spazio fra la struttura in cemento armato e la copertura in metallo. Un'intercapedine di alcuni centimetri in cui l'aria all'interno ha accelerato la diffusione delle fiamme, che hanno velocemente divorato la struttura esterna e l'edificio, come hanno accertato al momento gli inquirenti sul disastro avvenuto ieri nella zona Sud di Milano.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A dare l'allarme è stato un inquilino del 16esimo piano

Quanto alle possibili cause del rogo, gli investigatori non vogliono sbilanciarsi. Secondo alcune ipotesi riportate dalla stampa, all'origine dell'incendio ci sarebbe un cortocircuito al 15esimo piano. E' un inquilino di un appartamento del 16esimo piano del palazzo di via Antonini a Milano il primo ad essersi accorto ieri pomeriggio dell'incendio che in pochi minuti si è propagato a tutto l'edificio. L'uomo, riferiscono gli inquirenti, era da poco tornato dalle vacanze, quando ha sentito un forte odore di fumo provenire dal pianerottolo. Si è affacciato dal balcone e dal piano di sotto ha visto alzarsi volute di fumo nero. Immediatamente ha chiamato i soccorsi, ha avvisato gli altri condomini attraverso la chat di gruppo e ha bussato alle porte per avvertire gli inquilini eventualmente presenti.

Lo stesso amministratore dello stabile, come già appurato da un video finito agli atti dell'inchiesta aperta per disastro colposo, ha confermato che "le fiamme sono partite dal quindicesimo piano. Sembra che la famiglia non ci fosse da due settimane, come mi ha detto il custode. Sull'innesco dell'incendio, stanno verificando le autorità. Da quello che si vede dai video sarebbe interno all'appartamento".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incendio a Milano: il sistema antincendio non ha funzionato?

Today è in caricamento