rotate-mobile
Lunedì, 20 Maggio 2024
Fiamme altissime / Novara

Incendio in un'azienda di vernici e solventi: "Restate a casa con le finestre chiuse"

Il rogo è divampato nella zona industriale di San Pietro Mosezzo, comune a nord est di Novara. Sul posto moltissimi mezzi dei vigili del fuoco e ambulanze

Un grosso incendio è scoppiato questa mattina, mercoledì 29 marzo, nella zona industriale di San Pietro Mosezzo, alle porte di Novara: un'altissima colonna di fumo nero e maleodorante si è levata ed è visibile da ogni punto della città. Il rogo è divampato alla Kemi srl, un'azienda che produce vernici, coloranti industriali e solventi e ha sede a San Pietro Mosezzo, comune confinante in direzione nord est della città. Moltissimi i mezzi dei vigili del fuoco intervenuti sul luogo dell'incendio. Tante anche le ambulanze.

Le fiamme sono altissime e la colonna di fumo nero è visibile in tutta la pianura fino al Milanese. Sono ancora ignote le cause del rogo. Nell'azienda chimica lavorano una cinquantina di persone: quando è divampato l'incendio ce n'erano circa trenta, tutti sono riusciti a mettersi in salvo. Il piano di emergenza dell'azienda è stato subito attivato, e questo ha consentito di evacuare tutta la fabbrica. "È un macello, è scoppiato tutto il capannone, è tutto bruciato", dice una donna sul piazzale davanti alla fabbrica in un video diffuso da un consigliere comunale di Novara, Giuseppe Gagliardi (Forza Italia).

Non è ancora chiaro se la densa colonna di fumo nero possa creare problemi per la salute, ma dal comune arrivano alcune precise raccomandazioni. "Stiamo seguendo la situazione minuto per minuto, in collegamento con la prefettura e con Arpa (l'agenzia regionale per la protezione ambientale, ndr). Siamo in attesa di avere notizie certe, ma è chiaro che c'è preoccupazione. Il consiglio che stiamo dando è quello di tenere chiuse le finestre", ha detto l'assessore alla sicurezza del comune di Novara, Raffaele Lanzo.

incendio novara san pietro mosezzo oggi foto da video

Indicazione ribadita anche dal sindaco di Novara, Alessandro Canelli, che in un comunicato precisa: "L'incendio è ancora in corso: è sotto controllo da parte dei vigili del fuoco, ma ovviamente si è alzata una colonna di fumo che potrebbe creare rischi sotto il profilo ambientale e della salute. Sentite Arpa e prefettura, si raccomanda alla cittadinanza, in attesa dei risultati delle analisi che dovranno essere fatte sull'impatto dell'evento, di tenere le finestre chiuse e se non assolutamente necessario di rimanere in casa. La raccomandazione vale a maggior ragione per le scuole e gli istituti scolastici della città: è molto importante che i bambini rimangano in classe con le finestre chiuse".

"Al momento non vi sono rischi di esplosioni all'interno dell'azienda chimica", ha dichiarato ancora Canelli. "La colonna di fumo, in questo momento, si dirige per il forte vento verso nord-est, per intenderci verso Milano. La nube è molto alta ed è probabile che possa vedersi al di là del centro urbano", ha concluso il sindaco.

I primissimi rilievi effettuati da Arpa nell'area attorno all'incendio "non hanno evidenziato situazioni di pericolo". Le squadre stanno effettuando ulteriori verifiche di tipo analitico sulla qualità dell'aria e sulla gestione delle acque di spegnimento. Non ci sono stati feriti e dopo alcune ore l'incendio risulta quasi domato. 

Incendio in una ditta chimica di San Pietro Mosezzo - Le foto dei lettori di NovaraToday

Incendio in una ditta chimica di San Pietro Mosezzo - Foto dei lettori di NovaraToday

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incendio in un'azienda di vernici e solventi: "Restate a casa con le finestre chiuse"

Today è in caricamento