Venerdì, 6 Agosto 2021
Cronaca

Inferno di lamiere in autostrada: muore un 19enne, 29 feriti

Riaperta l'autostrada A26 dopo il tragico incidente di sabato mattina che ha coinvolto 19 auto e due tir. Tragico purtroppo il bilancio: 50 i soccorritori intervenuti tra Ovada e il bivio con l’A10 in direzione Genova

Le immagini dell'incidente avvenuto all’interno della galleria Monacchi, all’altezza del km 4 della A26, tra Ovada e il bivio con l’A10 in direzione Genova

E' un giovane di 19 anni la vittima dell'incidente avvenuto alle 10 di sabato mattina sull'autostrada A26 in Liguria. Josè Emanuele Martinez, originario di Legnano e residente a Cerro Maggiore, viaggiava a bordo di una Fiesta bianca insieme con una donna e un uomo, feriti in modo molto grave e accompagnati d'urgenza al San Martino di Genova: si tratta di Patricia Menchu, 54 anni e residente anche lei a Cerro Maggore, e di Oscar Ernesto Ramirez, 41, residente invece a Solbiate Arno

È tragico il bilancio della serie di incidenti avvenuti poco dopo le 10 di sabato sulla A26, in Liguria, tra Ovada e il bivio con l’A10 in direzione Genova: nel più grave, avvenuto nella galleria Monacchi, è morto un giovane di 19 anni, originario del Milanese, e i feriti totali sono 29. Il tratto è rimasto chiuso sino a poco prima delle 16.

Segui tutti gli aggiornamenti

Tre gli incidenti avvenuti a poca distanza l'uno dall'altro nello stesso tratto, ai km 4, 6 e 8 dell'A26. Quello peggiore si è verificato proprio all’altezza del km 4.

Per quanto riguarda i feriti, poco dopo le 15 il bilancio era di 5 persone in codice rosso e 3 in codice giallo al San Martino, altre 4 al Galliera (un codice rosso, un giallo e due feriti lievi), 7 al Villa Scassi (tutti codici gialli) e 7 al San Carlo di Voltri. Ricoverati anche tre bambini, in codice giallo, al Gaslini. Sul posto sono intervenute 4 automediche e 16 ambulanze, insieme con l'elicottero dei Vigili del Fuoco: oltre 50 i soccorritori presenti sul posto.

La situazione in autostrada

Sul tratto, chiuso per consentire le operazioni di soccorso e rimozione dei veicoli, si sono formate code lunghe km e il traffico è bloccato. Sul posto oltre al personale della Direzione 1° Tronco di Genova, sono intervenute le pattuglie della Polizia Stradale e cinque squadre dei Vigili del Fuoco con l'elisoccorso. La riapertura, stimata alle 15, è stata rinviata alle 16 per la presenza di veicoli bloccati e persone ancora all'interno.

Altri due incidenti si sono verificati sempre sull'A26 direzione sud all'altezza dei km 6 e 8. Anche in questo caso ci sarebbero feriti, anche se non gravi: l'ipotesi più probabile al momento è che un camion abbia perso gasolio sull'asfalto, provocando così la serie di incidenti.La dinamica dell'incidente è infatti ancora incerta, ma Autostrade fa sapere che il fondo stradale reso sdrucciolevole dall'ingente perdita di gasolio è la causa quasi certa degli incidenti a catena. 

Cosa fare per chi viaggia

Per chi si trova in autostrada, dopo l' uscita obbligatoria di Ovada si può proseguire sulle statali 155 o la 185 per Alessandria e Novi Ligure per poi rientrare in autostrada per le riviere e Genova al casello di Novi Ligure o di Serravalle Scrivia. In alternativa per coloro che provengono da nord e sono diretti verso Genova, si consiglia di utilizzare la diramazione Predosa-Bettole e proseguire sulla A7 Serravalle-Genova. 

Lunghe code si sono formate all’uscita obbligatoria a Masone, traffico bloccato anche sulla provinciale 456 del Turchino, che da Masone porta a Voltri, per la presenza di auto, pullman e camion dirottati dall'autostrada e attualmente in coda. Intorno alle 16, con la riapertura dell'autostrada, si registravano code tra Serravalle Scrivia e Vignole Borbera.

La situazione su strade e autostrade in tempo reale

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inferno di lamiere in autostrada: muore un 19enne, 29 feriti

Today è in caricamento